La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Una società fra Regione e Anas per la gestione delle strade. Sulla A19 il pagamento del pedaggio già a giugno?

    Pubblicato il gennaio 31st, 2017 Max Nessun commento

    La giunta regionale guidata dal presidente Rosario Crocetta punta alla fusione tra il Cas, Consorzio autostrade siciliane, e l’Anas. Quindi strade e autostrade, al netto di quelle provinciali e comunali, saranno gestite dalla nuova società NewCo che dovrebbe entrare pienamente in funzione a giugno.

    Anche la A19, Catania Palermo, verrà inclusa in questa gestione. E già c’è chi sostiene che dal prossimo giugno nella tratta entrerà il pagamento del pedaggio. Il provvedimento fa parte di un maxi emendamento alla Finanziaria regionale e quindi dovrebbe essere approvato dall’Ars a breve. Riguardo il Cas la Regione ha in mano oltre il 90% del capitale, circa 33 milioni di euro. Le rimanenti parti sono in tasca alle ex Province di Catania, Messina, Siracusa e Ragusa, alle Camere di commercio di Catania, Messina e Siracusa e ai Comuni di Catania, Messina, Siracusa, Barcellona Pozzo di Gotto, Patti, Rosolini, Rosolini, Modica e Gela. La nuova società farà fuori gran parte delle partecipazioni e prevede solo due soci: Regione per il 49% e Anas per il 51% e gestirà complessivamente circa 700 chilometri di autostrada. In atto il Cas ha la competenza su 320 chilometri mentre l’Anas ne conta poco meno di 400 chilometri fra i quali quelli relativi alla Palermo-Catania. L’accordo sarebbe propedeutico per sbloccare circa un miliardo e 400 milioni di euro per investimenti che serviranno per il completamento della rete autostradale siciliana. E già è stato previsto un regime concessorio all’Anas per la riscossione del pedaggio. E’ bene sottolineare che in atto l’azienda statale per le strade gestisce in Sicilia le autostrade Palermo-Catania, Palermo-Mazara del Vallo e Alcamo-Trapani. Quindi a breve, le indiscrezioni indicano già a giugno, anche per la A19 pagamento del pedaggio. Un nuovo aggravio per gli automobilisti che sperano almeno che l’autostrada diventi degna di questo nome e abbandoni le sembianze di una regia trazzera.

    Lascia un commento