La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Una poltrona per due: spazzata l’incompatibilità tra Assessori e Consiglieri

    Pubblicato il gennaio 23rd, 2012 Max Nessun commento

    di Massimo Greco
    La specialità siciliana in ordine alla materia dell’ordinamento degli enti locali ha dato i suoi frutti. A partire dall’1 gennaio 2012 i Consiglieri Comunali e Provinciali potranno ricoprire l’ambita poltrona di Assessore sia nella medesima Istituzione in cui esercitano il proprio mandato che anche in altri Enti locali. Il via liberà è infatti arrivato dall’Assemblea Regionale Siciliana che con un tocco di magìa legislativa ha reso compatibile ciò che non lo è stato per 20 lunghi anni. Con l’introduzione negli anni novanta dell’elezione diretta del Sindaco e del Presidente della Provincia, la carica di Assessore risultava, ovviamente, incompatibile con quella elettiva di Consigliere.

    Stato di cose che evidentemente non veniva più tollerato dalla “politica” tanto da spingere i nostri illuminati rappresentanti di Palazzo dei Normanni ad affermare con la novella L.r. n. 6/2011 che “La carica di componente della giunta è compatibile con quella di consigliere comunale”. E poiché la disposizione, per volontà dello stesso legislatore, è entrata in vigore dal 1° gennaio 2012, appare verosimile prefigurare, per le amministrazioni comunali provinciali che non andranno al rinnovo degli organi in questo semestre, lo stravolgimento delle attuali giunte di governo composte per lo più da tecnici a favore dei “politici di razza” cioè quelli dotati del consenso elettorale. Infatti il Consigliere che prima era costretto a dimettersi dalla carica elettiva per essere nominato Assessore col rischio, più che fondato e statisticamente provato, di perdere anche quella a discrezione del Sindaco o del Presidente della Provincia, oggi potrà usare l’arma del ricatto politico rimanendo comunque componente dell’organo consiliare.

    Lascia un commento