La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Troina: un seminario su “Rubens e le arti visive nell’età della Controriforma. L’origine del Barocco”

    Pubblicato il giugno 7th, 2017 Max Nessun commento

    Con un ciclo di 6 appuntamenti, che inizieranno oggi pomeriggio mercoledì 7 giugno, alle ore 17.30 nella “Sala Miani” della Torre Capitania di via Conte Ruggero, prende il via “Rubens e le arti visive nell’età della Controriforma.

    L’origine del Barcocco”, il work shop per gli amanti del bello e dell’arte che il Comune, in occasione dell’omonima mostra che il museo ospita fino al 31 luglio prossimo, organizza con il patrocinio scientifico dell’Accademia delle Belle Arti di Catania.

    Questo il calendario del seminario e gli interventi dei relatori:

    Mercoledì 7 Giugno, ore 17.30:

    -Sebastiano Fabio Venezia, sindaco di Troina, “Troina, nascita della Pinacoteca Civica d’Arte Moderna”;

    -Virgilio Piccari, direttore dell’Accademia di Belle Arti di Catania, “L’educazione all’arte e la didattica delle arti visive”;

    -Paolo Giansiracusa, professore ordinario di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, “P.P. Rubens e la pittura dell’età barocca. Nascita e sviluppo del cantiere artistico del Seicento”.

    Visita di studio della Pinacoteca.

     

    Giovedì 8 Giugno, ore 17.30:

     

    -Stefano Puglisi, professore incaricato di Antropologia Culturale dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, “ L’arte del disegno alla pittura, attraverso cartoni e repliche”;

    -Rocco Froiio,ordinario di Restauro Scultoreo dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, “La rinascita tecnica e formale di due opere della fine del Cinquecento”.

    Venerdì 16 Giugno, ore 17.30:

     

    -Giancarlo Germanà Bozza, professore incaricato di Storia dell’Arte dell’Università degli Studi di Palermo “I temi iconografici della pittura dell’età della Controriforma.Apporto degli studi classici”;

    -Paolo Giansiracusa, curatore della mostra su Rubens, “Il tema di Lot e della distruzione di Sodoma e Gomorra. Le scelte del Caravaggio, l’ambientazione pittorica”.

    Sabato 17 Giugno, ore 17.30:

     

    -Giovanni Cleofe Canale, professore emerito di Storia dell’Architettura dell’Università degli Studi di Reggio Calabria, “Il tema gesuitico nell’architettura della Controriforma in Sicilia. La Chiesa e il Collegio dei Gesuiti di Sciacca”;

    -Paolo Giansiracusa, direttore dei “Quaderni del Mediterraneo”, “La Chiesa e il Collegio dei Gesuiti di Siracusa”.

    Venerdì 23 giugno, ore 17.30:

     

    -Luca Pietro Vasta, professore ordinario di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, “Il sacro quotidiano”;

    -Sebastiano Fabio Venezia, storico, “L’età della Controriforma e le tesi conciliari”;

    -Paolo Giansiracusa, curatore della mostra su Rubens, “Gli Ordini Religiosi e la committenza artistica”.

    Sabato 24 giugno, ore 17.30:

     

    -Virgilio Piccari, docente ordinario di Architettura e Urbanistica dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, “Le Accademie e l’insegnamento artistico nell’attuale ordinamento ministeriale”;

    -Vittorio Ugo Vicari, professore ordinario di Storia dell’Arte dell’Accademia delle Belle Arti di Catania, “Chi è di scena. Un’ipotesi di studio su due sante in costume tardo manierista a Troina”;

    -Paolo Giansiracusa, curatore della mostra su Rubens, “Scipione Pulzone, una scoperta troinese”;

    -Sebastiano Fabio Venezia, sindaco di Troina, “Valore di un percorso creativo. Conclusioni”.

     

    Chi fosse interessato a partecipare gratuitamente al seminario, potrà iscriversi direttamente alla Torre Capitania di via Conte Ruggero tramite la cooperativa di servizi per i beni culturali e il turismo “Cooltural-mente”, raggiungibile al 3314675445, su cooltura-mente@libero.it e sulla rispettiva pagina Facebook.

    Per i corsisti è prevista una cartella didattica con il catalogo della mostra “Rubens e la pittura della Controriforma” e un biglietto personale d’ingresso valido per tutto il periodo espositivo.

    A chiusura del work shop, verrà rilasciato un attestato a ciascun partecipante.

    Lascia un commento