La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Troina. Chiesti due nuovi indirizzi di istruzione secondaria superiore

    Pubblicato il Settembre 3rd, 2018 Max Nessun commento

    L’assessore Carmela Impellizzeri

    L’amministrazione comunale, con delibera di giunta, ha chiesto all’Ufficio Scolastico Regionale, tramite l’Ufficio Scolastico Provinciale, l’istituzione, per l’anno scolastico 2019/2020, di due nuovi indirizzi di studio di istruzione secondaria superiore.Il percorso, condiviso con l’Istituto “Ettore Majorana” di Troina, prevede l’attivazione del corso serale, di settore tecnico, ad indirizzo agraria, agroalimentare ed agroindustria, articolazione “Gestione dell’Ambiente e del Territorio”, e del corso di settore professionale, ad indirizzo servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera, articolazione “Enogastronomia”, per valorizzare le risorse enogastronomiche e turistiche del territorio. “Coerentemente con l’indirizzo politico amministrativo volto alla promozione e alla valorizzazione del nostro territorio – spiega l’assessore alla pubblica istruzione Carmela Impellizzeri – , riteniamo sia necessario formare nuovi professionisti in grado di gestire le eccellenze locali, che inneschino un circolo virtuoso di occupazione e di sviluppo. Per questo, abbiamo dato la nostra piena disponibilità a sostenere finanziariamente questo progetto”
    Il Comune, tramite apposita convenzione con il Libero Consorzio di Enna, che sarà stipulata qualora la richiesta venisse accettata dall’Ufficio Scolastico Regionale, si farà infatti carico delle spese di funzionamento derivanti dall’attivazione dei due corsi di studio per l’intero percorso quinquennale e metterà a disposizione il plesso scolastico “Parapià”, con le relative attrezzature, per garantire una migliore formazione tecnica e didattica.
    “L’attivazione dei nuovi indirizzi – prosegue l’assessore Impellizzeri – , consentirà inoltre dei risparmi rispetto al costo degli abbonamenti che annualmente il Comune sostiene per permettere agli studenti di raggiungere le sedi scolastiche dove frequentano i due corsi. Risorse che contiamo di investire per finanziarne il funzionamento e migliorare la qualità di vita e di studio dei nostri ragazzi e di quelli dei paesi limitrofi”. 

     

    Lascia un commento