La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Timpanaro Pd: “Amministrazione Dipietro da ricordare per le occasioni mancate”

    Pubblicato il febbraio 21st, 2018 Max Nessun commento

    Paolo Timpanaro

    L’amministrazione Dipietro – dice il consigliere comunale del Pd Paolo Timpanaro – ama definirsi l’amministrazione dei primati, in ordine ai numerosi risultati raggiunti sul piano politico-programmatico.

    Nulla di più vero !! L’attuale classe di governo è stata la prima a non celebrare il Natale 2016, e riprendendo una citazione dell’assessore agli eventi attuale: sicuramente è passata alla storia per questa evenienza piuttosto che per i preparativi del Natale 2018. E’ stata la prima amministrazione a non partecipare alla settimana della cultura, alla settimana dello sport, importanti manifestazioni che coinvolgevano l’ente istituzionale assieme ad associazioni e gruppi sportivi promuovendo un’attività di rete, coordinamento e sinergia certamente innovativa rispetto ad una visione tradizionale. E’ stata la prima ad annunciare la propria candidatura a Città della Cultura senza presentare alcuna richiesta. Ha risolto il problema dei rifiuti aumentando esponenzialmente il costo a 6 milioni di €, ovvero il doppio di quanto spendeva la passata amministrazione, ha installato le fioriere in via Roma scatenando le ire dei commercianti, ha raddoppiato i costi di gestione del teatro a fronte di un’attività che è la stessa degli anni precedenti, ha sorvolato sul problema del randagismo, ecc.., ecc..Tra tutti questi primati se ne annovera uno che spicca in modo oltremodo evidente, ovvero l’amministrazione Dipietro è la prima amministrazione da quando ad Enna vige l’elezione diretta del Sindaco (e andando a ritroso anche prima), che non ha designato un vice sindaco. Il Vice Sindaco di fatto rappresenta una nomina fiduciaria conferita dal primo cittadino ad un Assessore che si contraddistingue per meriti politici, istituzionali e di rappresentanza, è l’unico legittimato ad agire in assenza del Sindaco ed in un comune capoluogo si ritiene diventi di particolare importanza in quanto i gravosi impegni istituzionali non permettono allo stesso la contestuale presenza. Sono passati diversi mesi dalla nomina della nuova giunta comunale, concretizzata in data 10/08/2017 dopo 5 mesi di crisi politica, e ad oggi del Vice Sindaco neanche l’ombra. A tal proposito ho provveduto a depositare una mozione in consiglio comunale, impegnando il Sindaco affinchè, quanto prima, provveda alla designazione del suo vice. Questa città oltre a soffrire carenze strutturali, infrastrutturali e logistiche, soffre una crisi di rappresentanza istituzionale ivi compresa l’autorevolezza della attuale classe dirigente, la quale ha relegato la nostra città alla stregua di un comune di periferia. Pertanto – conclude Timpanaro – auspico che questa mozione quanto prima vada discussa al fine di colmare una vacatio che da troppo tempo attanaglia questo comune ivi comprese le forze politiche che sostengono l’amministrazione e che legittimamente ambiscono a tale carica”.

    Lascia un commento