La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Sicilia Outlet Village: Successo della prima edizione dell’Happy Chinese New Year realizzata in collaborazione con l’Istituto Confucio dell’Università Kore di Enna

    Pubblicato il febbraio 19th, 2018 Max Nessun commento

    Draghi e leoni danzanti, lanterne dai colori brillanti, esperienze gastronomiche dai sapori orientali e ideogrammi intinti di china: ecco come Sicilia Outlet Village ha dato il benvenuto all’anno del Cane.

    Una tre-giorni dedicata alla celebrazione del capodanno cinese, frutto della stretta collaborazione con l’Istituto Confucio dell’Università Kore di Ennache ha permesso di far conoscereper la prima volta attraverso un ricco programma di iniziative gratuite, l’arte e la cultura del Paese del Sol Levante. Tantissimi i visitatori provenienti da diverse parti dell’Isola per conoscere riti e antiche usanze millenarie di questa suggestiva manifestazione, ormai celebrata in diverse parti del mondo.  Nessuno è sfuggito alla possibilità di fare un autentico “viaggio” verso Oriente: food blogger e influencer pronti a “instagrammare” i segreti dell’antica cerimonia del tè, appassionati di prelibatezze gastronomiche in prima fila per conoscere i segreti dei ravioli cantonesi, sportivi incantati dalle coreografie delle arti marziali e famiglie curiose di conoscere il proprio nome in lingua cinese. La celebrazione del passaggio dall’anno del Gallo a quello del Cane – simbolo di buon auspicio e onestà – è riuscita a racchiudere la delicatezza e il fascino della cultura orientale, fotografandola in tutti i suoi aspetti grazie anche alla presenza di ospiti internazionali e di comunità trapiantate nel territorio, accompagnate dal direttore di parte cinese dell’Istituto Confucio dell’Università Kore di Enna Sun Ao. Un benvenuto dunque non solo a un “2018” fortunato e di buona salute come detta la tradizione del Paese del Dragone, ma anche ricco di dialoghi interculturali e momenti di coinvolgimento capaci di valorizzare l’integrazione e diffondere conoscenza e cultura.

     

    Lascia un commento