La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Settembre carico d’impegni per il Consiglio Provinciale di Enna

    Pubblicato il agosto 19th, 2010 Max 4 commenti

    di Tiziana Tavella

    Giunta tecnica, emergenze da affrontare alla ripresa dei lavori d’aula in consiglio provinciale e scelte politiche. Questi i temi affrontati dal Presidente del Consiglio provinciale Massimo Greco, a pochi giorni dalla ripresa delle attività d’aula. Ripresa che va come spiega Greco, con questioni già note come il rientro della Venere di Morgantina e con altre sopravvenute in questi giorni come il depotenziamento della postazione amministrativa del 118: Con i capi-gruppo consiliari programmeremo i lavori per tutto il mese di settembre, che si presenta particolarmente ricco di argomenti e scadenze a cominciare dalle scelte in ordine al mantenimento delle quote di capitale nelle varie società partecipate dalla Provincia“.“ Sulla maggioranza che sosteneva il Presidente Monaco e che non c’è più aggiunge: “Fortunatamente riesco ancora a separare gli aspetti istituzionali con quelli connessi alla dialettica politica. E’ giusto che la politica faccia il suo corso ma guai a paralizzare le attività istituzionali. Molte delle questioni che vengono trattate dall’organo consiliare sono atti obbligatori che non possono risentire degli umori delle maggioranze o delle minoranze, infatti se non trattati vengono adottati dall’Assessorato Regionale alle Autonomie locali in forza del potere sostitutivo”. La Giunta tecnica è un fallimento della politica come dicono gli addetti ai –


    lavori? “Non vi è dubbio sul fatto che la scelta di assessori non espressione delle forze politiche rappresenta un campanellino d’allarme per il sistema della maggioranza che ha contribuito ad eleggere il Presidente Monaco. Ma è anche vero che parliamo di una prassi distorsiva nel sistema degli enti locali.  L’assessore di oggi, con l’avvento dell’elezione diretta del Sindaco e del Presidente, non ricevendo più alcuna investitura popolare, non ha quella valenza politica che i partiti politici si ostinano ad affidargli per il tramite di una designazione fiduciaria dell’organo monocratico.Sono convinto che le forze politiche ed i relativi gruppi consiliari sapranno riprendere le redini dell’azione politica”. “Seguirà Fini anche a costo di uscire dal Pdl? “Penso proprio di no. Ho sposato un’idea che si chiama Popolo Della Libertà. E chi come me ha fatto questa scelta sa perfettamente che gli uomini passano ed i partiti restano, Aspetto di partecipare a confronti interni al Pdl basati su idee, linee politiche ed organizzazione del partito e non su mancate assegnazioni di poltrone di governo e di sottogoverno. Solo allora potrò valutare a quale corrente di pensiero aderire. In attesa preferisco rimanere, come già detto, un libero pensatore del Pdl”.

     

    4 responses to “Settembre carico d’impegni per il Consiglio Provinciale di Enna” Icona RSS

    • Generazione Italia Enna

      Caro presidente Massimo Greco,

      prendiamo atto di quanto dichirato nell’intervista rivoltaLe dalla dottoressa Tiziana Tavella. Tuttavia, speriamo che dopo avere elaborato le dovute considerazioni, avere ricevuto le risposte che si attende dall’area finiana, possa tornare in sella ed a fianco dei suoi vecchi amici di partito che la stimano e la stimeranno sempre per le qualità: leali, morali, etiche e professionali, che al giorno d’oggi rappresentano un grande valore di cui un partito, ma meglio ancora, l’intera collettività non intendono disfarsi facilmente. Pertanto, nel rinnovarLe quel sentimento sincero di stima ed affetto che nutriamo nei suoi confronti Le rivolgiamo un arrivederci, politico, a presto.

      Gli amici del circolo di Generazione Italia Enna

    • Solo gli stupidi non cambiano mai idea…chissà…un domani..

    • Lorenzo Scarlata

      Caro Presidente, salto i preamboli, ti invito a definire prima il quadro politico e poi le linee guida per un possibile sviluppo del territorio provinciale.
      Convinto come sono del tuo senso alto delle Istituzioni, accertato che non è possibile continuare con questa agonia amministrativa, ti invito a fare un gesto forte!
      Con stima sincera, Lorenzo Scarlata.

    • Il quadro politico dipende da variabili più nazionali che locali e pertanto il mio contributo è parecchio residuale. Per l’elaborazione di un progetto di sviluppo provinciale se ne può parlare, ma non dimentichiamo i ruoli. Io alla Provincia non ho funzioni di governo ma di controllo ed indirizzo politico. Purtroppo quando in una squadra i giocatori non sono utilizzati secondo le loro capacità ed assegnati a ruoli incompatibili difficilmente si può sperare nel miracolo della vittoria…!


    Lascia un commento