La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • “Se viene dimostrato che quella casa è di Giancarlo Tulliani, mi dimetto”

    Pubblicato il Gennaio 26th, 2011 Max 4 commenti

    On. Gianfranco Fini – Presidente Camera Deputati

     

    4 responses to ““Se viene dimostrato che quella casa è di Giancarlo Tulliani, mi dimetto”” Icona RSS

    • Gli accordi enunciati pubblicamente si rispettano! Su ciò non si discute! Tuttavia, sarebbe bene, verificare attentamente l’autenticità delle nuove carte sulla casa di An a Montecarlo. Accertata la quale: Fini, secondo una mia modesta opinione, deve dimettersi dall’incarico di presidente della Camera e fare il leader politico a tempo pieno. Il plico ricevuto dalla Farnesina dalle autorità dell’isola di Santa Lucia ha insospettitto anche il procuratore capo Giovanni Ferrara che ha affermato di non averne fatto richiesta. Per lui la vicenda si era chiusa con il decreto di archiviazione di un’inchiesta che aveva l’obiettivo di accertare se la cessione dell’immobile ereditato da An configurasse una truffa. Infatti, non c’era nessuna truffa.

    • L’offensiva contro Fini e’ spudorata: non solo perche’ e’ improponibile un parallelo tra il presunto scandalo della casa di Montecarlo e l’acclarato scandalo del casino di Arcore, ma soprattutto perche’ Fini ha sempre rispettato qualsiasi giudizio della magistratura che ha archiviato il caso, mentre Berlusconi appunto alla magistratura ha dichiarato guerra”.E questo mi sembra uno scontro istituzionale.

    • Si dimetta Fini se tutto ciò è vero… ma a maggior ragione il magnaccio Berlusconi

    • E’ stato straverificato che le carte prodotte a “nocumento” di Fini sono le stesse carte che erano state prodotte, a suo tempo: storia trita e ritrita. Piuttosto la novità è: Il ministro degli Esteri torna sull’affaire di Montecarlo, le carte di Santa Lucia e sul ruolo di Fini nella vicenda. Infatti, lui stesso, definisce l’inchiesta della procura che lo vede indagato: un “atto dovuto”; inoltre si è detto reo confesso come complice di dossieraggio. La titolarità dei procedimenti per l’acquisizione di documenti d’indagine all’estero attraverso rogatoria internazionale spetta infatti non al ministero degli Esteri ma a quello della Giustizia su sollecitazione della magistratura inquirente. Sarebbe bene, pubblicare ogni tanto, anche qualcos’altro: evitiamo di essere troppo faziosi… Ergo: il Presidente della Camera Fini non si dimetterà! Quando si parla di “autenticità di documenti” e di “titolarità della casa di Montecarlo”: l’autenticità di tali elementi può essere provata solamente da chi ha costituito la società offshore, cioè dalla finanziaria. E’ ovvio che questa non li produrrà mai, perchè deve tutelare i sui clienti, altrimenti non avrebbe senso una società siffatta. Accontentatevi della versione che ha fornito l’avvocato Renato Ellero che ha dichiarato che la casa è di un miliardario: “MISTER X”. Fatevene una ragione. Piuttosto: “Speriamo che non vi vada di traverso la “frittata Frattini”.


    Lascia un commento