La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • “Se Fini esce, va via per sempre”

    Pubblicato il Aprile 16th, 2010 Max 2 commenti

    DSC_4026s
    Creative Commons License photo credit: BEE FREE – PGrandicelli [the social bee]

    Silvio Berlusconi – Presidente del PDL

     

    2 responses to ““Se Fini esce, va via per sempre”” Icona RSS

    • Non penso ci sia più gente intellettualmente coerente di seguire più i suoi balletti. Dal Mitico Movimento Sociale ci ha sbattuto in una frantumata Alleanza Nazionale per poi mescolarci con Forza Italia nel PDL, quante salse ancora???
      La Destra è Storace, il Centro Destra è Silvio…
      Gianfranco non classificato!

    • Per un berluscones ammettere che Fini ha portato alla luce il vero problema delle contraddizioni di fondo di questa destra gli è difficile riconoscerlo, questo perché un berluscones DOC non ha una capacità di analisi politica propria.
      La realtà è che Fini è l’ unica vera espressione di una destra nazionale in grado di collocarsi all’ interno di una destra europa moderata.
      Sul fatto dei numeri di quanti salteranno il fosso lo si vedrà, sempre ammesso che ciò avvenga, ma il problema resta ed è di non facile soluzione, visto l’ avanzare preponderante della lega, della quale si può dire di tutto e di più, ma non che rappresenti una destra nazionale.
      Come si potrebbe pensare che una persona con una visione politica di destra sociale possa votare per un partito che ha nel suo DNA la denazionalizzazione del paese?
      In Italia quello che manca è una cultura patriottica positiva (da non confondere con nazionale negativa) nella quale emergano le ambizioni di una società compatta impegnata a darsi un nuovo progetto nazionale e sostenere la realizzazione di un nuovo modello di stato, unendo così l’ elemento liberale al progetto nazionale stesso, e superare gli ostacoli dovuti all’ acuirsi del fenomeno leghista del localismo; prima noi e poi gli altri, inteso non come nazione ma come area di appartenenza, la quale inizia dalla separazione del nord dal sud e poi via via fino ad arrivare al condominio nello stesso quartiere.
      Fonti:
      La mia è un’ analisi fatta da uno che non vota destra, ma credo sia un bene per il paese e per la sinistra avere una destra moderata con la quale potersi confrontare democraticamente.


    Lascia un commento