La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Roberto Lagalla candidato a presidente della Regione con Idea Sicilia

    Pubblicato il marzo 10th, 2017 Max Nessun commento

    Roberto Lagalla, al centro, con Antonio Francese e Pippo Cardaci

    “Idea Sicilia” è lo slogan che Roberto Lagalla, ex rettore dell’università di Palermo ed ex assessore regionale lancia per la sua campagna elettorale per dare l’assalto, ad ottobre, alla presidenza della Regione.

    Questo pomeriggio insieme a ad Antonio Francese, suo punto di riferimento in provincia, ha incontrato alcuni amici nella sala della Villa Giulia a Pergusa. “Solo un appuntamento organizzativo” ha precisato Lagalla. Anche perchè il battesimo della grande volata verso palazzo d’Orleans inizierà venerdì 17 marzo a Mondello (Palermo) all’hotel La Torre. E’ una sfida che mette da parte la superstizione: “Avvio la campagna elettorale – dice Lagalla sorridendo – venerdì 17 alle 17 nel 2017. Tanti 17, sfida nella sfida”. Andiamo al sodo: “Voglio creare uno spazio aperto per animare la politica. Dentro idee per innovare con tanto dialogo e confronto”. Il cruccio dell’ex rettore è che la politica sembra perduta: “Tutti si parlano addosso, fino ad ora non ho sentito alcun discorso ispirato da programmi quelli che ci vogliono”. Organizzativamente il movimento si affiderà alla rete e al volontariato, tanto volontariato. “Vogliamo che il programma nasca dal basso e sia sentito proprio da tutti. Deve puntare su un obiettivo ben particolare, la crescita della Sicilia. Una crescita vera fatta da vero sviluppo. Non vogliamo avere nulla a che fare con le politiche assistenzialiste”. Un movimento quindi al di fuori dei partiti o contro i partiti: “Non siamo contro nessuno. Noi vogliamo programmare la crescita della nostra Sicilia. Siamo pronti – conclude – a sederci e a discutere con tutti movimenti, associazioni e partiti ma sulla base di programmi”. Quindi appuntamento a Palermo venerdì 17 alle 17 con Roberto Lagalla mettendo da parte …… la superstizione.

    Lascia un commento