La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Puglisi Unimprese. Il voto di domenica frutto del malgoverno. Via Sgarbi dal governo regionale

    Pubblicato il Mar 8th, 2018 Max Nessun commento

    Bisogna essere in malafede o del tutto scemi per affermare che il voto del 4 marzo è stato pilotato dalla voglia del Sud di ottenere il reddito di cittadinanza”.

    A sostenerlo è Salvatore Puglisi responsabile della sede interprovinciale Unimpresa di Enna e Caltanissetta. “Ai giovani disoccupati del Meridione non gliene frega nulla del reddito di cittadinanza cercano lavoro e spiragli di sviluppo nella loro terra ciò che da decine e decine di anni viene negato dai partiti tradizionali e di quelli di cartapesta”.

    Ma il voto indirizzato al M5S e alla Lega, veri vincitori della competizione elettorale, non è stato assegnato solo dalle fasce giovanili ma complessivamente da tutta la popolazione?

    E’ questa la risposta. I meridionali si sono rotti le scatole ed hanno tranciato di netto quel legame che li teneva stretti alle aree politiche tradizionali. Basta guardare in che condizioni si trova tutto il Meridione per capire cosa è avvenuto. E attenzione non è stato un voto di protesta ma un voto ragionato dal quale non si torna indietro”.

    Salvatore Puglisi

    Nessuna chance per i partiti?

    Da ora in poi nessuna chance per i Gattopardi, per le lobbie. Gli ultimi anni sono stati micidiali. Hanno partorito una riforma elettorale per non far vincere il M5S, con Pd e Fi protagonisti. Risultato? Nessuno ha vinto ma M5S e Lega sono oggi i due punti di riferimento dello scacchiere politico”.

    La politica del Pd ha fallito?

    Di netto ha puntato tutto sull’asservimento ai poteri forti dimenticandosi di tutta una nazione. Un esempio mi sembra emblematico: hanno accordato milioni e milioni di euro alle Banche ma queste hanno chiuso il rubinetto al credito alle imprese. In pratica l’ossatura economica dell’Italia è stata messa alle corde”.

    Le imprese italiane, come dice lei, praticamente sono li per lì per chiudere intanto le Camere di commercio non registrano un crollo delle iscrizioni neppure nel Mezzogiorno?

    E’ vero ma aprire oggi una Partita IVA è solo un ripiego, manca altro lavoro; si tira a campare, non esiste un progetto di espansione tanto è vero che il lavoro nero aumenta sempre più. Questa classe dirigente politica ha triturato le imprese grazie soprattutto al silenzio assordante di chi era chiamato a difendere le stesse imprese”.

    Quindi la voglia di assistenza, di reddito di cittadinanza non ha pilotato il voto del 4 marzo?

    Assolutamente no. Anche nel 1994 ci fu un plebiscito a favore di Forza Italia. Tutti si aspettavano una stagione di riforme e un cambio di marcia nell’economia. Poi il Pd ha illuso la nazione lavorando invece per le banche. Oggi il voto ha premiato chi sta fuori da certi meccanismi, vedremo cosa succederà. Di certo possiamo affermare che non c’è più nessuno che apre un cassetto e tira fuori un pacchetto di voti. L’autoconvincimento primeggia e questo mi sembra un bene”.

    Salvatore Puglisi conclude con un messaggio al presidente della Regione Nello Musumeci: “Il governatore siciliano sta perdendo tempo a non buttare fuori dalla giunta Vittorio Sgarbi dopo le schifezze che ha detto a proposito del voto nell’isola”.

    Lascia un commento