La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Presentazione del libro “Ustica, confessioni di un angelo caduto”

    Pubblicato il marzo 20th, 2012 Max Nessun commento

    di Pierelisa Rizzo
    La scuola e l’educazione alla legalità e alla memoria civile. In questo ambito, il prossimo venerdì 23 marzo, alle ore 11, alla scuola media Garibaldi sarà presentato agli allievi delle 3 A ed E il libro “Ustica, confessioni di un angelo caduto” di Carmelo Pecora, Zona edizioni. All’’incontro sarà presente l’autore, poliziotto originario di Enna ma che da anni vive a Forlì dove ha diretto il nucleo di Polizia Scientifica. Smessa la divisa di Ispettore per pensionamento volontario, prosegue l’attività di scrittore iniziata con 9 maggio ’78. Il giorno che assassinarono Aldo Moro e Peppino Impastato (ZONA 2007) e Polvere negli occhi (ZONA 2009), romanzo dedicato alla strage di Bologna, entrambi adattati alla scena. I suoi protagonisti sono sempre poliziotti, le sue sono storie di vita vera. “Ustica, confessioni di un angelo caduto” è la vera storia di Antonino Greco, poliziotto morto nella strage di Ustica. Un angelo appare una notte a un ragazzo, e gli racconta la vera storia di Antonino “Nino” Greco, giovane poliziotto morto sul DC9 dell’Itavia Bologna-Palermo che precipitò il 27 giugno 1980. Racconta la storia di Nino, dall’infanzia in Sicilia alla scelta di entrare in polizia, dalle prime esperienze in divisa al trasferimento a Bologna, fino alla tragica sera di prima estate in cui Nino prese l’aereo che doveva portarlo alla festa di matrimonio di un amico, per fargli da testimone.
    Il racconto si avvale delle testimonianze dirette dei familiari e degli amici di Antonino Greco e della preziosa collaborazione dell’Associazione Familiari Vittime di Ustica. “La scuola crea delle opportunità di crescita culturale – dice il dirigente scolastico Filippo Gervasi – che prendono spunto anche dalla attualità. In questo caso c’è anche la scoperta di uno scrittore ennese che, con la sua vita, è esempio concreto di legalità”. “Abbiamo voluto legare questo testo, che stiamo studiando durante questo anno scolastico, con il tema della legalità e della memoria civile –  dice Lina Caltagirone, insegnante di Lettere che insieme alla collega Francesca Fonte hanno curato l’organizzazione dell’incontro – La nostra scuola ha già portato avanti tante iniziative in tal senso, tra queste abbiamo organizzato una proiezione di un video nel giorno della shoah così come abbiamo visto un documentario che raccontava la strage delle Foibe. E’ il nostro impegno concreto nel fornire agli allievi strumenti di riflessione che li aiutino a crescere con una giusta coscienza civile ”.

    Lascia un commento