La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Premiato il videoclip “Cosa c’è ke nn va”

    Pubblicato il Dicembre 23rd, 2008 Max 1 commento

    di Mariangela Vacanti
    Il progetto sul disagio giovanile del liceo Socio-psico-pedagogico di Enna continua a raccogliere consensi e ad allargare la rete dei suoi sostenitori. Un riconoscimento al lavoro artistico dei liceali ennesi è arrivato, a sorpresa, dal festival nazionale di cortometraggi “Cortiamo”, organizzato ad Alcamo dal Circolo di cultura cinematografica Segni nuovi: il videoclip della canzone “Cosa c’è ke nn va” si è aggiudicato il primo premio della terza edizione del concorso, nella sezione dedicata alle produzioni delle scuole superiori.
    Il gruppo di coordinamento di Cosa c’è ke nn va (composto da studenti del Pedagogico, i docenti referenti e da Erika, la 19enne ennese che lotta contro l’anoressia e alla quale è stato dedicato il video) è stato accolto alla cerimonia di premiazione del con un’ovazione e con calorosi complimenti dalla giuria. Lo stesso video, diretto dal regista palermitano Antonio Macaluso, è stato anche selezionato nella finalissima per il premio “Miglior film”.

    E mentre il liceo Scientifico di Leonforte, insieme con il Pedagogico e il Classico di Nicosia si sono uniti all’istituto ennese per dar vita al coordinamento provinciale del progetto sul disagio giovanile, una delegazione del Ministero dell’Istruzione ha incontrato gli studenti che portano avanti “Cosa c’è ke nn va”. La sociologa Francesca Capomaccio, esperta collaboratrice con la Direzione generale per lo studente, si è mostrata entusiasta del lavoro svolto finora a Enna e ha garantito la sua collaborazione per far veicolare il messaggio sociale a tutte le scuole della nazione.-


    Lo scorso giovedì 18 dicembre, infine, il gruppo di coordinamento del progetto è stato ospite del talk show Insieme di Antenna Sicilia. Sul palco con Salvo La Rosa, Erika Piccillo, che ha dato la sua testimonianza: «Voglio raccontare la mia storia – ha detto davanti alla telecamere – perché ci sono tanti ragazzi che soffrono di disturbi dell’alimentazione come me». La giovane, diplomatasi con 100 lo scorso settembre al Pedagogico di Enna, ha parlato senza vergogna dei primi sintomi della sua malattia rivelatasi quando aveva 11 anni, dei lunghi anni di cura a Milano e Bologna e, infine, degli ultimi due mesi di risalita: «Sotto la terapia di Tullio Scrimali – ha spiegato – ho ripreso i chili persi e riacquistato un equilibro fisico che non avevo da anni, anche se non posso dirmi guarita del tutto. La mia lotta continua. Cosa mi ha dato la forza di rialzarmi? Un evento che mi ha molto scossa: la morte del mio amico Giuseppe, che ha perso la vita in un incidente stradale. In quel momento di dolore ho riflettuto su quanto è preziosa la vita». Commossi i suoi amici e il pubblico in sala, come lo stesso La Rosa e il comico Litterio che hanno più volte ringraziato Erika per il suo intervento: «La tv può fare molto bene, ma anche molto male – ha chiosato il giornalista catanese – ma questa sera, grazie alle tue parole, la nostra trasmissione non può che aver aiutato i ragazzi che sono vittime di disagi come droga, bullismo e alcol».

     

    1 responses to “Premiato il videoclip “Cosa c’è ke nn va”” Icona RSS

    • BELLISSIMO. Anche se, come vecchietto ennese, qualche volta nutro dei dubbi sulla fantasia dei giovani, dei loro progetti ed iniziative, questa volta debbo ricredermi ed applaudire il gruppo di Erika che si è esibito a Catania. peccato che mi sia perso lo spettacolo, che normalmente seguo. complimenti davvero, e mi raccomando: CONTINUATE COSI’. AUGURI E BUON LAVORO. GRAZIE A VOI TUTTI.


    Lascia un commento