La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Perde ancora l’area del PDL che fa capo a Grimaldi

    Pubblicato il Giu 8th, 2009 Max 6 commenti

    di Massimo Greco
    Dopo le provinciali dello scorso anno l’area politica che fa riferimento all’On. Grimaldi esce nuovamente sconfitta. Il candidato Cimino ha raccolto solamente 2544 voti in tutta la provincia, nettamente dietro La Via, Iacolino e Strano. Quest’ultimo, gradito più all’area ex AN, si è attestato a 3212 voti.

     

    6 responses to “Perde ancora l’area del PDL che fa capo a Grimaldi” Icona RSS

    • Ho appena letto la risposta che ha dato il consigliere (???) Malfitano su Vivienna, assolutamente ridicolo, accusano lei e il presidente Monaco di essere “assetati di potere” quando è ormai chiaro che tutta questo astio dell’On. Grimaldi (che ormai di onorevole ha veramente poco) che non si sta occupando minimamente di Enna al parlamento dove era stato eletto, ma ha dimostrato ancora una volta che a lui di noi ennesi di centro destra in primis e ennesi in generale non gliene interessa assolutamente nulla, visto che l’unica cosa per il quale si fa sentire è quella di recriminare un posto in giunta provinciale (dal quale avrebbe potuto magari assecondare qualche sua esigenza, perchè no, anche elettorale) e fare più opposizione dell’opposizione stessa (scusate il gioco di parole) al presidente Monaco che invece sta facendo bene, magari non agli occhi di tutti, ma per il bene della nostra provincia sicuramente.
      La cosa sensazionale è poi il gruppo di leccapiedi di cui l’on. Grimaldi è circondato, tra cui spicca questo consigliere Malfitano, il quale attribuisce poteri e fama al “suo” capogruppo che hanno quasi del miracoloso e anzichè lavorare per il bene della nostra provincia, ormai sull’orlo del fallimento a causa di una gestione scadente negli anni passati, cosa fa? lancia accuse pesantissime, e cerca di buttare fango su una persona quale il presidente Monaco, che non ha nulla da imparare da nessuno, sopratutto da Grimaldi. L’ennese per fortuna sta imparando, io stesso mi sono trovato in difficoltà quando l’on. grimaldi era candidato a Presidente della Provincia, perchè io uno che ha fatto anni di politica e ha sempre vissuto all’ombra di un esponente del centrosinistra, al quale bisogna dare atto, certamente più attivo, il voto l’ho dato solo perchè ho fatto a mio tempo una scelta politica.
      E’ per questo che Enna è sempre una roccaforte del Centrosinistra, perchè l’ennese vede nel centrodestra in Grimaldi un elemento di spicco. E se la scelta è tra una qualsiasi persona e lui, l’ennese voterà qualsiasi altra persona. scusate lo sfogo.

    • Invito il Presidente Greco ad essere intellettualmente più onesto e, politicamente, meno fazioso.
      Infatti se guardiamo al risultato finale, è vero che la differenza della corrente facente capo a Grimaldi è notevole rispetto ai candidati della corrente Alfano – Schifani – Castiglione e quella facente capo agli ex di AN.
      Ma il Presidente tenta di ingannare i pochi sprovveduti quando non sottolinea che, i candidati che la sua corrente ha appoggiato, hanno corso con una cordata a tre e a volte a quattro, rispetto al candidato di Grimaldi, ovvero l’on. Cimino, che ha fatto corsa a sé.
      Allora se dovessimo quantomeno raddoppiare i voti ottenuti in provincia da Cimino, vedremo come lo stesso risulterebbe essere il terzo degli eletti in provincia, ad un tiro di schioppo dal premier Berlusconi: ALTRO CHE SCONFITTA!!!
      Ma perché Massimo Greco non ha commentato, come onestamente avrebbe dovuto, i risultati del comune di Nicosia dove con un deputato regionale, due consiglieri provinciali, quattro consiglieri comunali ed un ex sindaco uscente il candidato La Via ottiene soli 1037 voti, contro le 660 preferenze dell’on. Cimino, sostenuto solo dal sottoscritto. Ma a Nicosia, caro Massimo, devi considerare che, oltre la cordata a tre o quattro, che chiaramente triplica o quadruplica le preferenze di ogni candidato della corrente del Pdl rispetto al candidato Cimino della corrente Grimaldi che ha fatto gara a sé, giocava a favore dello stesso La Via, il sostegno e l’appoggio di molti amici che lo hanno sostenuto, visto le sue origini nicosiane.
      A questo punto, se i dati vanno letti nell’ottica giusta, così come ho appena esposto, si evidenzia come ad essere in caduta libera non sia Ugo Grimaldi ma bensì tutta quella corrente facente capo al Presidente Monaco e all’on. Leanza.
      Proprio così, caro Massimo, dopo neanche un anno dall’inizio della svolta vera in questa provincia, i vostri elettori vi hanno clamorosamente bocciato; ciò viene attestato anche dai dati provinciali facendo nuovamente del Pd il primo partito in provincia: veramente una bella svolta!!!
      Caro Massimo, noi veniamo premiati dagli elettori perché, a differenza di voi, noi ci occupiamo non di divisione di poltrone o di incarichi ma di problemi reali della gente: dall’ambiente alla sicurezza degli edifici scolastici, dalla viabilità all’attenzione verso il mondo della sanità in particolare i malati oncologici, dalla prevenzione degli incendi all’attenzione verso un nuovo modo di concepire lo smaltimento in loco dei rifiuti con ottenimento di energia e ad impatto ambientale pari a zero,…
      Piuttosto che pensare a Grimaldi, perché, caro Massimo, non ti preoccupi di tenere uniti e compatti tutti gli alleati che, con grande sforzo, hanno permesso a te e a Pippo Monaco di sedere negli scranni più alti del potere politico provinciale, al fine portare avanti quella politica, ancora attesa dai nostri elettori, per cercare di affrontare e risolvere i numerosi problemi che attanagliano il nostro territorio?
      Presidente, non puoi più temporeggiare: o tu e i tuoi amici abbandonate SUBITO la vostra sete di potere, e non solo quella, oppure voi (e non Grimaldi e i suoi amici) sarete gli unici responsabili del mancato rilancio dello sviluppo della nostra provincia e la sicura prossima sonora sconfitta del centrodestra nel nostro territorio!!!”.

    • I numeri anche se freddi e, come in questo caso drammatici, sono pur sempre sintomo di democrazia. Invito l’amico Malfitano a rassegnarsi, del resto essere minoranza non è affatto offensivo. Io sono stato spesso minoranza all’interno del mio partito ma non mi sono mai stracciato le vesti! A meno che, così come sta accadendo a livello regionale la minoranza vuole stabilire la linea politica. Questo è antidemocratico e arrogante.

    • Questo consigliere si presenta come super eroe quando l’unica battaglia portata avanti dalla sua corrente è quella per un posto in giunta provinciale…per chi conosce Grimaldi e compagnia la cosa ha del grottesco se non del ridicolo vero e proprio..
      questo pseudo-onorevole cosa ha fatto per Enna? cosa ha fatto in parlamento? ASSOLUTAMENTE NULLA. la sua politichetta è quella di spingere per sottogoverni e governi, come si evince dagli attacchi politici degli ultimi mesi al Presidente Monaco, figli di un’evidente spinta per una poltrona. per il resto siamo di fronte al NULLA ASSOLUTO! e per di più vorrebbe presentarsi come il “salvatore della patria” quando ne è il killer. Adesso si infervorano quando si rendono conto che il loro candidato è quello che ha preso meno voti fa quelli sostenuti dal Pdl locale..se ne faranno una ragione.. che classe politica!

    • L’onorevole Ugo Grimaldi sa perfettamente di essere grato al sistema elettorale che gli ha permesso di realizzare il sogno che “porbabilmente” neanche lui era convinto di materializzare. Così, un altro scranno (parlamentare) anche questa volta fu conquistato. Il problema è: “dopo questo modo di operare, l’on Grimaldi potrà più fare affidamento sulla “sua” Enna che stupida non è”? Alle prossime elezioni, l’ardua sentenza……

    • consigliere malfitano, lei e’ una gran brava persona caduta nel tranello di un esponente politico ennese che, con il bacino elettorale che ha, non verrebbe eletto nemmeno al consiglio comunale di enna.
      A Grimaldi lei fa’ comodo perche’ rappresenta la sua unica voce attiva sul territorio, se poi va’ a guardare i dati elettorali si accorgera’ che nella roccaforte inespugnabile di Enna, Cimino prende 200 voti in meno di La Via.
      Non si faccia ingannare, nel suo gruppo politico i voti ce li ha solo lei, e il dato di Nicosia lo dimostra, poi…il nulla…si ricordi delle mancate elezioni di Cortese prima e Salamone dopo…lasci perdere, si sganci da Ugo, si faccia la sua strada perche’ o con Grimaldi o senza Grimaldi, chi la vota lo fa’ per rispetto nei confronti suoi e come premio alla sua disponibilita’.
      Piuttosto, eviti gli scontri a Nicosia, la poltrona di primo cittadino la ricoprirebbe bene.


    Lascia un commento