La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • “Per il fucile c’è sempre una prima volta”

    Pubblicato il agosto 26th, 2007 Max 8 commenti

    Sen. Umberto Bossi

     

    8 responses to ““Per il fucile c’è sempre una prima volta”” Icona RSS

    • Esagerato…

    • Esatto

    • Sta cercando di ricostruire il rapporto con le fasce più estreme della Lega Nord, che stanno venendo meno da un punto di vista elettorale. Il problema è che qualche esaltato i fucili potrebbe prenderli davvero.. La responsabilità dell’uomo pubblico va a farsi benedire!

    • Ci sono tanti posti dove mettere un fucile, uno ad esempio è il …………. Finiamola con questi estremismi figli del qualunquismo imperante. sarebbe meglio iniziare a svolgere un’attività politica più attenta all’aspetto morale e vicina alle esigenza dei cittadini e non dei gruppi di potere.

    • La frase di Bossi circa la minaccia sull’uso del fucile ha fatto stracciare le vesti a tutta la sinistra “istituzionale”, fino al Colle, che invita ad abbassare i toni, mentre altri si preoccupano per i rischi per la democrazia e per una eventuale mionaccia terroristica.
      Mi fanno ridere, per un verso, i soloni di sinistra con queste reazioni spropositate rispetto ad una delle tante goliardate da comizio con le quali Bossi, che ci ha ormai abituati al suo eloquio non proprio politicamente corretto ma certo molto efficace.
      Cane che abbaia non morde, dice un proverbio, mentre è a sinistra si che si morde sul serio, perché è a sinistra che maturano le operazioni criminali, come l’assissinio del Prof. Marco Biagi, legittimato istituzionalmente da un parlamentare no global, vero terrorista di pensiero e forse anche di azione. Bossi si diverte per un verso e per l’altro ci fa sorridere e tutti noi di centro-destra dovremmo difenderlo un pò di più, invece di apparire imbarazzati alle sue sparate, perché non fanno male a nessuno ma arringano le folle, dicono alla nostra gente quello che in fondo vuol sentirsi dire e, soprattutto, portano consenso alla nostra parte politica. Non c’è bisogno di additare agli italiani la fallimentare politica economica, il depauperamento delle famiglie, la perdita di prestigio internazionale dell’Italia, le infrastrutture che non partono e tutti gli altri danni del governo Prodi, è sufficiente stigmatizzarne le reazioni alla colorita ed inoffensiva frase di Bossi per far capire al popolo che questi invasori del potere prima smontano dal potere e meglio è.

    • Concordo in parte quanto detto dall’amico Giampiero. Sicuramente l’esternazione del Caruso è estremamente grave e come tale dovrebbe essere rivista anche la sua presenza tra i banchi del Parlamento. Ma ritengo che anche le frasi che usa il sig.Bossi non devono essere guardate come qualcosa di pittoresco e folkoristico. E’ un rappresentante dello Stato anche lui e credo che un maggiore rispetto per le istituzioni (che poi gli garantiscono anche un discreto mensile………..) sia quantomeno doveroso. Parlare di fucili, di terrorismo, e di altre frasi incendiarie, in una società che non ha più valori sono pericolose perchè innescano il germe “del tanto tutto è permesso”. E’ vero che per entrambi possono esserci delle attenuanti. Le lesioni celebrali che ad uno ha provocato l’attacco ischemico e all’altro il troppo uso di sostanze psicotropiche……ma per favore caro Giampiero…..non ci sono cretini di destra o cretini di sinistra. Ci sono solo CRETINI!!!!

    • Lasciamo stare i fucili e proviamo a capire dov’è il problema. Quando un pregiudicato per tangenti parla di tirar fuori i “fucili” e trova gente che l’ascolta, la democrazia farebbe bene ad allacciare le cinture di sicurezza. Vorrei chiudere con le stronzate del pensiero bossi…ano, tirando la classica catenella, ma i precedenti penali, quelli lessicali e i carichi pendenti, invece di essergli di zavorra sembrano invece donargli una certa mefitica e flatulenta levità che lo fanno ancor più apprezzare dai sodali destrorsi del condominio delle cosiddette libertà, abituati peraltro a convivere infognati con chi ha fatto strame dello Stato di Diritto e della Legalità, i quali cercano di ridimensionare l’infelice sortita legaiola rubricandola alla voce “provocazione”.

    • STEFANIA TI MERITI UN BACIO!!!!!!


    Lascia un commento