La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Pd, non si placano le polemiche sul tesseramento

    Pubblicato il Marzo 31st, 2017 Max Nessun commento

    Più si avvicina la data delle primarie nazionali più aumentano le polemiche interne al Pd circa la gestione del tesseramento.

    Lo scontro è furioso e il cuscino che dovrebbe ammortizzare la tensione è rappresentato dalla commissione provinciale per il tesseramento guidata dall’ex assessore comunale Vittorio Di Gangi. Dentro i componenti sono schierati con gli elmetti e le baionette. Coloro che fanno riferimento al duo Crisafulli-Garofalo propongono una linea completamente in antitesi da quella proposta dai renziani, un’area che da poco include anche la componente del deputato regionale Mario Alloro. Uno scontro che si scrive guardando alle primarie nazionali ma che si legge nella nuova gestione del partito in provincia. Per il momento solo indiscrezioni e……….. l’eco del fragore delle armi. Secondo i primi rumor gli iscritti in provincia sono 3.898 dei quali circa 2.800 riconducibili alla prima fase quando le adesioni vennero fatte da Crisafulli, Alloro e Garofalo. Altre 1.100 adesioni circa sarebbero in quota dell’ala originaria dei renziani, quella che fa capo ad Angelo Argento, tanto per intenderci. E qui scoppia l’inghippo, altri rumors affermano che fra quest’ultime iscrizioni ci sarebbero, chi dice 100 chi dice 40 tessere non confermate. Se così fosse salterebbero teste illustri, come per esempio il sindaco di Nicosia Luigi Bonelli e il consigliere comunale di Enna Rosalinda Campanile che ha rappresentato la testa di ponte della battaglia per il reingresso di tanti ex piddini nel partito. E quindi i renziani di Argento hanno dissotterrato l’ascia di guerra e gridano compatti: “Ancora l’ultima parola non è stata detta. Tutto è sub judice”. Con questo clima che definirlo in fibrillazione è quasi un eufemismo l’unica certezza è rappresentato dal fatto che la celebrazione del congresso provinciale si allontana ancora di più tanto che i più accorti sostengono che stando così le cose non se ne parlerà prima di dicembre.

     

    Lascia un commento