La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Pd nazionale, abracadabra e rispunta la tessera di Angelo Argento

    Pubblicato il aprile 6th, 2017 Max Nessun commento

    Angelo Argento

    Dai renziani che da giorni sono posti sull’aventino arrivano due notizie.

    La prima riguarda il capo corrente Angelo Argento che dopo vari batti e ribatti a Roma sarebbe rispuntata la sua tessera. Come sarebbero rispuntate altre adesioni che prima venivano date per cancellate. Il Pd nazionale è preda di sollecitazioni e tiratine di giacca e i suoi massimi dirigenti si voltano quando questa è veramente forte. Ad oggi non ci sarebbe nulla di deciso tanto è vero che gli elenchi ufficiali degli iscritti ancora non sarebbero pervenuti alla commissione provinciale. Insomma stanno preparando un congresso provinciale senza sapere quanti sono gli iscritti, chi sono, se gli stessi godono di elettorato passivo e attivo. Insomma non si può dire che la chiarezza sia una prerogativa di questo Pd. Infatti se è possibile che fra le nebbie degli elenchi provvisori che girano di volta in volta oggi spunta un nome e domani un altro, fra poche ore è possibile che ogni scenario cambi. Quando si dice la certezza di ….. statuti e regolamenti. La vita però va avanti e per il momento il congresso è stato convocato per il 7 maggio.

    Fabio Venezia

    E dalle fila dei renziani aventiniani esce forte la voce di Fabio Venezia, sindaco di Troina, ben presente nella zona nord che pone un punto fermo. Se il congresso così convocato è legittimo la sua candidatura alla segreteria provinciale potrebbe esserci ma di sicuro ci sarà la sua presenza in tutta la fase congressuale con la voglia forte di recitare un ruolo. Questo vuol dire che ad una candidatura unitaria di più aree, Renzi-Dem-Orlando, se ne potrebbe aggiungere una che al di là di accordi o saponate varie vuole portare avanti un discorso di principio politico e di dibattito programmatico. Non amando i congressi unitari che penalizzano la democrazia interna e che tarpano le ali alle mille spinte che invece sono necessarie ad un soggetto politico non si può fare altro che salutare con favore una nuova possibile candidatura alla segreteria. Più candidature, più posizioni interne leali e di programma non possono che arricchire i partiti. E una reale ricchezza interna favorisce lo sviluppo e il dibattito nel territorio. Insomma cresce tutto, Oggi mancano i soggetti politici e chi all’interno degli stessi si confronta. Sono invece presenti, e purtroppo, in tutto il panorama politico i personalismi e gli accordi sottobanco che ammorbano le spinte di potenziamento culturale, economico e sociale che tanto sono necessarie ai territori.

    Lascia un commento