La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • PD: i Renziani di Enna si stringono attorno al loro leader

    Pubblicato il febbraio 18th, 2017 Max Nessun commento

    di Paolo Di Marco

    A Roma la scissione dentro il Pd viene quasi data per fatta tanto che gli aventiniani avrebbero perfino già deciso il nome del nuovo soggetto politico: Democratici Socialisti. In sigla Ds come prima del Pd.

    I renziani si stringono attorno al loro leader l’ex presidente del consiglio Matteo Renzi e attuale segretario nazionale del Pd. Ad Enna questi ultimi hanno già dato alla stampa un nota che pubblichiamo integralmente: “I democratici ennesi che hanno fondato il Partito Democratico dieci anni fa per farne il più grande partito riformista d’Europa non rinunciano e non vogliono perdere quel progetto, quella visione e programma. Progetto, visione e programma che sono stati incarnati e portati al successo dalla segreteria e dal governo guidato da Matteo Renzi. Nel ribadire la convinta appartenenza e totale adesione ai valori fondativi e al progetto politico del Partito Democratico, ove dovesse infaustamente concretizzarsi una scissione di un pezzo seppure largamente minoritario del partito, scissione dolorosa quanto incomprensibile, rinnovano e confermano il proprio incondizionato sostegno al segretario nazionale Matteo Renzi a cui chiedono con forza di continuare a guidare il Pd per costruire un progetto forte e radicato per affrontare al meglio i prossimi importanti appuntamenti elettorali”. Fin qui la nota del coordinamento provinciale Area Renzi di Enna, ma se la scissione verrà confermata per il territorio ennese si prospettano giornate di grande tensione. Questo perchè in atto il Pd è l’unico partito ad Enna ad essere veramente tale e perchè rappresenta unito oltre il 40 per cento dell’elettorato. Ma la gran parte dello stesso è vicino all’ex senatore Mirello Crisafulli appartenente all’area degli scissionisti. Quest’ultimo però è stato sempre allergico alle scissioni o alle fughe preferendo metterci la faccia e combattere dentro l’arena. Ma adesso, se la scissione sarà confermata, i suoi più stretti amici o compagni di partito, il primo Massimo D’Alema, prenderebbero altre vie. E Crisafulli che farà? E dopo di lui il deputato regionale Mario Alloro, il parlamentare nazionale Maria Greco come si comporteranno? Gli appartenenti alla corrente Rifare l’Italia, con in testa Paolo Garofalo e Fabio Venezia che faranno? Se scissione sarà la geografia politica ennese cambierà e di molto. Ancora poco e vedremo.

    Intanto il responsabile provinciale di Rifare l’italia l’ex sindaco Paolo Garofalo, ha convocato per martedì alle 18 una riunione del gruppo dirigente nella sala dell’Hotel Federico II. All’ordine del giorno analisi dell’attuale fase politica e i passaggi che si concretizzeranno nell’assemblea nazionale.

    Rifare l’Italia riferimento al presidente Orfini e al ministro Orlando. In Sicilia al segretario regionale del Pd Fausto Raciti.

    Alla riunione di martedì sarà presente pure Antonio Rubino, responsabile regionale dell’organizzazione del partito ed esponente di primo piano della corrente.

    Lascia un commento