La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Panoramica, il dirigente della Protezione civile Sicilia, ing. Foti, fa il punto

    Pubblicato il Maggio 29th, 2017 Max Nessun commento

    Panoramica

    Il Dirigente Generale del DRPC Sicilia, Dipartimento regionale di Protezione Civile, ing. Calogero Foti, al fine di offrire una corretta informazione per la collettività ennese ha chiesto di pubblicare una nota per chiarire meglio l’iter per la ricostruzione della Panoramica.

    Liberamente-enna.it è ben lieta di poter mettere a disposizione all’ing. Foti lo spazio necessario e pubblica integralmente quanto inviato questa mattina dal DPRC Sicilia. L’intervento fa riferimento al nostro articolo del 24 maggio 2017 “La Panoramica bloccata per una firma”. Ecco di seguito la nota dell’ing. Foti:

    Nel settembre del 2012 il DRPC Sicilia ha sottoscritto un accordo di programma quadro (APQ) che prevedeva, fra gli altri, l’intervento per la sistemazione della SP in questione, il cui decreto di finanziamento è stato emanato in data 21 dicembre 2012. Nel giugno del 2013 il progetto è stato portato in gara dall’allora Provincia regionale di Enna nella qualità di Soggetto attuatore dell’intervento. Purtroppo, le procedure di gara si sono prolungate a causa di problemi per i quali sono stati richiesti pareri anche all’ANAC (Agenzia nazionale anti corruzione). Nel frattempo si giunge ad aprile del 2015 quando un ulteriore crollo, mutando le condizioni di sicurezza dell’infrastruttura, ha comportato la necessità di rivedere il progetto definivo con la conseguente esigenza di disporre di ulteriori risorse economiche che non era nostro compito rintracciare. Tuttavia, vista la particolare attenzione che rivolgiamo al territorio e alle infrastrutture di collegamento, abbiamo ritenuto di verificare la possibilità di reperire tali risorse tra le economie dell’accordo di programma, e tali esigenze sono state rappresentate al MISE (Ministero dello sviluppo economico), allora competente alla trattazione della questione oggi invece affidata all’Agenzia per la Coesione Territoriale. La ex Provincia regionale, nel frattempo, aumenta la richiesta economica a seguito dell’approvazione in Conferenza Speciale dei Servizi del 5 settembre 2016 del progetto di variante, per cui le nuove necessità passano dai 6.450.000 di Euro iniziali ai 9.115.000,00 successivi, per cui si rendeva necessario, ancora una volta, reperire ulteriori risorse.  Tale necessità al Dipartimento perveniva soltanto successivamente a tale data. La disponibilità delle economie è, pertanto, passata attraverso la riprogrammazione economica dell’intero accordo e in tal senso l’Agenzia per la Coesione Territoriale e il Dipartimento per la Programmazione della Regione siciliana si sono espressi favorevolmente e si è in attesa della formale risposta. Ancora una volta, per la nostra particolare attenzione al territorio siciliano, riusciamo, in raccordo con Dipartimento nazionale della Protezione civile, a reperire fondi dall’Ordinanza di protezione civile OCDPC n°340 del 9 maggio 2016 per 1.100.000,00 Euro e ulteriori fondi per circa 670.000,00 Euro per definire la copertura dell’intervento sono stati resi disponibili con una delibera della Giunta provinciale. In tutto ciò, comunque, non abbiamo mai smesso di sollecitare l’Agenzia per la Coesione Territoriale a provvedere sollecitamente alla riprogrammazione dell’APQ per poter rendere disponibili gli ulteriori 800.000,00 Euro necessari per il finanziamento complessivo dell’opera”.

    Ringraziamo l’ing. Foti e tutto il DRPC Sicilia per quanto sono stati solleciti nell’intervenire. Come è stato ben evidente non era assolutamente intenzione di Liberamente-enna.it creare polemiche, l’articolo ha voluto riproporre l’accento su un lavoro tanto importante per la comunità ennese che attende ormai dal 2009. Ci conforta il fatto di aver trovato quali interlocutori un dirigente e un Dipartimento pronti al dialogo e al confronto, indice sicuramente di professionalità e buona volontà. Siamo quindi certi che l’intervento è in buone mani e a questo punto sollecitiamo la deputazione ennese all’Ars, Mario Alloro, Luisa Lantieri e Antonio Venturino, ad intervenire sollecitamente presso l’Agenzia per la Coesione Territoriale e il Dipartimento per la Programmazione della Regione siciliana affinchè la formale risposta riguardo il finanziamento arrivi al più presto. Enna e la Panoramica non possono attendere più.

    Liberamente-enna.it

    Lascia un commento