La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Occhio allo spreco: utili consigli per un buon amministratore locale

    Pubblicato il Maggio 12th, 2013 Max Nessun commento

    images (1)

    di Andrea Lo Gioco

    L’uso della tecnologia a Led, porterebbe sicuramente ad un gran risparmio in termini tecnologici ed economici, gravando  meno nella contabilità di un comune, di una regione, di uno stato. Il termine LED (acronimo dell’inglese Light emitting diode), indica dei diodi luminosi, cioè una sorgente di luce puntiforme. I Led se colpiti da radiazione luminosa nello spettro visibile, producono elettricità come un modello fotolvotaico. Le lampade a led possono sostituire le normali e tradizionali lampade ad incandescenza e fluorescenza, ed ecco alcuni esempi che esplicano al meglio le differenze di consumo fra lampade a led e lampade tradizionali:

    Rispetto ad una lampadina ad incandescenza da 100 W:

    –        Una lampadina a basso consumo della stessa potenza consuma 22 W

    –        Una lampadina a led della stessa potenza cosnuma tra i 6 e gli 8 W.

     

    In termini di durata, si notano queste differenze:

    –        Una lampadina ad incandescenza ha una durata tra le 1000 e le 1500 ore

    –        Una lampadina a basso consumo ha una durata di 5000 ore

    –        Una lampadina a led ha una durata di 50.000 ore

     

    Molti cittadini, imprenditori si chiedono se attuando il piano di sostituzione dell’illuminazione classica con quella a led, potrerbbero avere dei vantaggi anche in campo fiscale: la risposta a questa domanda viene dal Decreto Legislativo del Presidente della Repubblica n.115 del 30 maggio 2008, emesso in attuazione della direttiva comunitaria n. 32/ 2006, art. 2 relativa agli usi finali dell’energia per il risparmio energetico, e al miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici e alla riduzione del fabbisogno energetico: pertanto l’Agenzia delle Entrate, specifica che detti interventi sono previsti nel campo del riscaldamento, del raffreddamento e della ventilazione  e dell’illuminazione. Le luci a led, rientrano pienamente in questi parametri.Ne sono beneficiari tutti qeui contribuenti, eventualmente titolari di impresa che possiedono l’iimobile, in cui viene effettuato l’intervento: l’intera opreazione che porta ad un gran risparmio energetico deve essere monitorato da esperti, da professioni certificati mediante relazione.

    L’illuminazione al Led è stata utilizzata dal comune di Torraca in provincia di Salerno, con notevoli rislutati:

    –        un immediato risparmio in bolletta pari al 65%

    –        una riduzione dei costi di manutenzione pari al 50%

    –        una riduzione dell’inquinamento pari al 90%

    Per questo tipo di illuminazione non esiste il problema dello smaltimento nell’immediato ma bensi’ dopo 50000 ore del loro utilizzo, poiché  non contengono sostanze tossiche.

    I principali vantaggi della luce a led sono:

    Una lunghissima durata (da 50.000 a 100.000 ore di utilizzo (50 volte di piu’ di una lampadina tradizionale, 10 rispetto ad una lampada a basso consumo)
    Elevata intensità luminosa ( 4o – 60 lm / W con punte di 100 / 120 lm / W contro i 2o lm /W delle lampade ad incandescenza
    Bassissimo consumo
    Non produce calore

    Il costo di una lampadina a led  è superiore a quello di una lampadina a basso costo energetico, ma cio’ puo’ essere ammortizzato dalla maggior durata per quanto riguarda ad esempio l’uso domestico; in ambito fotovoltaico il costo è ammortizzato dal minor costo del pannello e della batteria, grazie al minor consumo. Da sottolineare, anche come questa tecnologia necessita di accorgimenti piu’ importanti rispetto alla progettazione degli apparecchi tradizionali.

    Il colore della luce non è piu’ un limite, in quanto con i  led è possibile ottenere numerosi colori ed effetti luminosi.

    Questa nuova tecnologia, dovrebbe essere presa in grande cosniderazione dall’amministrazione ennese comunale e provinciale, per garantire un’idea di sviluppo economico ed una politica del risparmio, per garantire un’idea di futuro ad una realtà in degrado, per incentivare ad investire in nuove idee e progetti utili alla comunità, che merita nuova linfa vitale per tornare a vecchi albori oramai dimenticati.

    Lascia un commento