La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Occhino e la sua “La Storia dell’Arte in Musica” hanno emozionato San Cataldo (CL)

    Pubblicato il marzo 8th, 2017 Max Nessun commento

    Sebastiano Occhino e Michele Celeste

    Emozioni e apprezzamenti a San Cataldo (Cl) per il compositore Sebastiano Occhino e la sua “Storia dell’Arte in Musica” andata in scena al Teatro D’Essai La Condotta.

    Un pubblico molto competente, fra il quale numerosi esperti d’arte e studenti dell’Istituto comprensivo Carducci e l’Istituto d’Arte F. Juvara, ha assistito alla messa in scena del progetto artistico dell’artista ennese. Un progetto costituito da ben 134 colonne sonore inedite e circa 3 mila opere pittoriche in mostra virtuale. La scaletta ha proposto uno spettacolo unico nel suo genere dove sono passate in rassegna le opere d’arte in mostra virtuale di pittori siciliani quali Pippo Rizzo e Renato Guttuso, fino ad arrivare ai grandi maestri del Rinascimento italiano Michelangelo, Raffaello e Leonardo. Hanno trovato posto anche le avanguardie artistiche del Novecento tra i quali i maestri d’arte maggiormente richiesti Picasso, Pollock e Dalì. Spazio anche alle donne protagoniste della storia dell’arte. In mostra virtuale le opere d’arte di Sofonisba Anguissola, Frida Kahlo e Lilly Martin Spencer. Il tutto impreziosito dalle note del compositore ennese Sebastiano Occhino che ad ogni pittore ha dedicato un’apposita colonna sonora. Innumerevoli e variegate sono state le richieste da parte del pubblico e non sono mancati anche momenti di dibattito e di riflessione scaturiti proprio dalla visione delle opere d’arte e dall’ascolto delle colonne sonore. “E’ stato per noi un grande onore – ha detto al termine degli spettacoli Michele Celeste, direttore artistico del teatro sancataldese La Condotta – ospitare nel nostro cartellone un progetto artistico dal così elevato spessore artistico e culturale. Ringrazio Sebastiano Occhino per la stima dimostrata nei miei confronti e spero che appuntamenti come questi possano presto ripetersi presso il nostro teatro”.

     

    Lascia un commento