La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Nuovi bisogni e felicità

    Pubblicato il agosto 3rd, 2007 Max 3 commenti

    di Libero
    Nella prima Prima Lettera di S. Paolo Apostolo a Timoteo si legge: “…Non abbiamo portato nulla in questo mondo e nulla possiamo portare via. Quando dunque abbiamo di che mangiare e di che coprirci, contentiamoci di questo. Al contrario, coloro che vogliono arricchire, cadono nella tentazione, nel laccio e in molte bramosie insensate e funeste, che fanno affogare gli uomini in rovina e perdizione. L’attaccamento al denaro infatti è la radice di tutti i mali; per il suo sfrenato desiderio alcuni hanno deviato dalla fede e si sono da se stessi tormentati con molti dolori. Ma tu, uomo di Dio, fuggi queste cose; tendi alla giustizia, alla pietà, alla fede, alla carità, alla pazienza, alla mitezza”. La globalizzazione ci sta consegnando una nuova categoria di istanze sociali, non riscontrabili nelle rivendicazioni delle diverse rivoluzioni moderne (politiche, sociali, tecnologiche ecc). “Con il termine <<nuove istanze>>, intendo riferirmi ad una serie di <<rivendicazioni sociali>> (che possono essere collegate a movimenti sociali o meno) emergenti nella società complessa come novità storica: un’accresciuta sensibilità per le violazioni di fondamentali diritti umani e l’esigenza di salvaguardare beni comuni che non possono essere trattati secondo la semantica dei diritti individuali o pubblico-collettivi” (Pierpaolo Donati, “La cultura della vita. Dalla società tradizionale a quella postmoderna”, FrancoAngeli, 1989). “Le società occidentali, con il mito del progresso, ipotizzano il raggiungimento di sempre maggiori soddisfacimenti dei bisogni (reali o indotti) come se questo fosse automaticamente il raggiungimento della maggiore felicità possibile. In virtù di questa logica si compiono misfatti sugli altri uomini, che non godono di questa possibilità, e sulla natura. La presunta felicità dell’uomo occidentale è pagata direttamente dalle popolazioni del terzo mondo e indirettamente da tutti, attraverso i micidiali danni provocati alla natura e all’ambiente. Il progresso porta innovazioni finalizzate per gran parte al lucro; non richieste dalla collettività esse non rispondono alle necessità né ai desideri diretti, insinuano invece nuovi desideri e necessità. Il ritmo dell’evoluzione risponde all’evoluzione del capitale, e non a quello degli uomini, alla ragione di dover guadagnare di più, alla ragione di dover muovere sempre più le merci e questa frenesia definisce un tempo che, anch’esso non risponde al tempo degli individui. Una società che progredisca in questo modo è una società infelice” (Trascrizione del testo in italiano dal volantino bilingue (italiano/inglese) apparso su “A – rivista anarchica” n. 274, estate 2001, a cura di Adriano Paolella e Zelinda Carloni).

     

    3 responses to “Nuovi bisogni e felicità” Icona RSS

    • Possedere non esaurisce la potenzialità umana di desiderare. Ci sono bisogni umani che difficilmente possono essere soddisfatti passando dal mercato. Non tutto ciò che è importante per il sentirsi bene, come ad es. i bisogni relazionali ed affettivi, può essere comprato.

    • DEMOCRAZIA IN PERICOLO
      Il nostro Paese sembra prigioniero di un sistema politico tanto conflittuale quanto impotente. Il potere governante da molto tempo appare avvilito da veti, richieste e condizionamenti esercitati dai gruppi organizzati, li si chiami come si vuole: di pressione, di interesse, corporativi, espressione di tramontate ideologie, o di illuminate aspirazioni tecnico-imprenditoriali, o di europeismo falso, o di utopistiche ma sempre molto personalistiche progettualità, e così via. Un magma infinito, nel quale ciò che manca è: la proposta, il confronto pubblico su di essa, la controproposta, la scelta dell’elettore per l’una o per l’altra, l’attuazione della proposta vincente e infine la responsabilità di colui che ha deciso. Insomma, ciò che manca è, in una parola, la politica. E così, in questo marasma che si fa sistema e che ci precipita in una stranissima forma di post-democrazia, dimentichiamo l’ammonimento di Churchill: democrazia liberale e responsabilità politica saranno sì gravemente imperfette, ma nulla che sia migliore è stato ancora inventato!

    • Io non credo assolutamente che il denaro è la fonte di tutti i problemi e di tutti i mali. Credo invece, che la fonte della gestione abberrata del denaro stia nella parte abberrata della mente di chi lo gestisce. Detto ciò, tutto quello che è stato scritto contro il denaro come fonte di tutti i mali credo sia stato scritto da coloro i quali il denaro non l’hanno veramente mai posseduto ma bramato. Il denaro è una fonte di energia. Farne un uso razionale per aiutare concretamente gli altri è una cosa fantastica. Il denaro e l’etica sono un binomio imprescindibile per chi vuole ottenere dal denaro il massimo del beneficio.


    Lascia un commento