La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Non confondiamo sprechi con presìdi di democrazia e legalità

    Pubblicato il ottobre 8th, 2011 Max Nessun commento


    di Massimo Greco
    In un contesto sociale e politico come quello che caratterizza i nostri giorni il leit motiv di ogni livello di governo sembra essere quello di ridurre in fretta tutto ciò che contribuisce ad appesantire il debito pubblico complessivo del nostro Paese. La drammaticità del momento è evidente a tutti e, in questa direzione, ognuno deve fare fino in fondo la propria parte nella speranza di superare quanto prima e col minor danno possibile questo periodo di quotidiane turbolenze. Tuttavia, nell’adozione di politiche pubbliche finalizzate a ciò, non si può rischiare di accomunare in un’unica voce i costi della politica ed i costi delle Istituzioni. Una classe dirigente, degna di etichettarsi tale, deve riuscire a respingere l’onda dell’antipolitica, rivendicando la fondamentale differenza tra ciò che all’interno del cosiddetto costo della politica rappresenta uno spreco e ciò che invece rappresenta uno strumento essenziale di democrazia. Le manovre finanziarie, promosse oramai a ritmo mensile, presentano puntualmente scelte politiche improvvisate e solo apparentemente responsabili. E tale patologia
    dell’agire politico interessa indifferentemente sia il livello statale che quello regionale. In questa prospettiva occorre con fermezza chiedere a tutti livelli istituzionali coinvolti nelle manovre di risanamento di mirare alla ricerca degli sprechi, che ancora oggi sono tanti e per niente nascosti, e non ad indebolire i presìdi di democrazia e di legalità. Continuare ad assillare gli Enti locali, attraverso continui tagli e fantasiose proposte di soppressione, ovvero a depotenziare i Tribunali delle zone interne della Sicilia significa denudare una comunità dei suoi anticorpi, così rendendola manifestamente vulnerabile alle fisiologiche attenzioni della mala vita organizzata. Mi farò carico di proporre ai gruppi consiliari una seduta straordinaria del Consiglio Provinciale per affrontare con determinazione tali argomenti e per assumere le decisioni conseguenziali.

    Lascia un commento