La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Nicosia: “Evanescenze liquide nell’arte di Nadia Presotto”

    Pubblicato il giugno 5th, 2017 Max Nessun commento

    Pittrice, di origini venete, residente in Piemonte, presenta una serie di acquerelli e di tele ad olio, in cui un senso di liquidità impreziosisce ed alleggerisce le opere di questa raffinata artista dal tratto sobrio e pregno di ricerca intellettualistica.

    In occasione del Bicentenario della fondazione della Diocesi di Nicosia viene allestita, a cura del Dott. Riccardo Fiscella, nell’antica cornice di Palazzo Riggio (ex Spedale Vecchio), nel centro storico della città, la mostra personale dell’artista Nadia Presotto, titolata “Evanescenze liquide nell’arte di Nadia Presotto”, che s’ inaugura il 10 giugno 2017 alle ore 12.00. L’ artista, di origini venete, residente in Piemonte, presenta una serie di acquerelli e di tele ad olio, accompagnate dalla critica redatta dal Dott. Riccardo Fiscella (Direttore dell’ Accademia Nazionale della Politica, sede di Enna) e dalla Prof.ssa Marcella Leonora (Docente di Lettere): “La freschezza degli acquerelli di Nadia Presotto è il frutto di lumeggiature che, con diverse gradazioni d’intensità, ora più diluite ora leggermente più corpose, attraverso la tecnica del bagnato sul bagnato, impregnano la porosità della carta con le sole pennellate, escludendo schizzi o tracce di disegni preparatori. Un senso di liquidità, esaltato dalla tecnica dell’acquerello, a lungo considerata espressione artistica minore, impreziosisce ed alleggerisce le opere di questa raffinata artista dal tratto sobrio e pregno di ricerca intellettualistica, il cui percorso è stato appunto segnato da una ricerca ed un’indagine scrupolosa di senso, ora dentro ora fuori di sé, in cui inesausto studio e tensione spirituale, quasi mistica, l’hanno indotta a cimentarsi coraggiosamente ed in modo del tutto originale e versatile nelle più svariate tecniche, consentendole di pervenire ad una sua propria matura cifra stilistica, che ha trovato e continua a trovare ampio consenso, anche all’estero, in occasione di svariate esposizioni e gallerie. Leit motif delle sue opere, sia in acquerello che in olio, è la presenza suggestiva del paesaggio ora naturalistico (le ben note colline del Monferrato, il nativo verde trevigiano, pianure, terre di acque e colture) ora urbano (Landscape – Cityscape, luoghi in cui la memoria, l’inconscio si intrecciano con l’estro artistico, dando vita ad oniriche parvenze di grattaceli, mere strisce in verticale distinguibili per le diverse sfumature cromatiche, su cui esercita un ruolo di primo piano sempre la luce, nelle sue variazioni tonali, ora opache, livide ora più intensamente vivide) ovvero di sconfinati spazi, resi evanescenti e del tutto smaterializzati, quasi astratti da un alone luminescente che ne sfuma i contorni, anziché renderli netti e porli in risalto: forse la ricerca simbolica di un altrove che mira a squarciare il velo di Maya, per penetrare il fondo noumenico della realtà. Senza dimenticare quei temi che affiorano dal vissuto, dalle esperienze emotive, dai viaggi compiuti in America. Tutto questo attraverso un’espressione poetica che non nel linguaggio figurativo classico bensì in quello moderno trova la sua forma migliore di rappresentazione, sempre coloristicamente rarefatta, impalpabile quasi a voler dar voce all’ineffabile e all’arcano, alla nostalgia e al desiderio di ciò che non è più”. “Evanescenze liquide nell’arte di Nadia Presotto”, sarà allestita ed inaugurata presso Palazzo Riggio, in via F.lli Testa 23/A, Sabato 10 Giugno alle ore 12.00. La mostra sarà visitabile con ingresso libero dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 16.30 alle 20.30, dal 10 al 18 Giugno 2017. La mostra gode dei Patrocini di: Ufficio Pastorale della Cultura della Diocesi di Nicosia – Bicentenario 1817-2017 della Fondazione della Diocesi di Nicosia – Accademia Nazionale della Politica, Sede di Enna – IRSSAF Istituto Ricerche Sociologiche Studi Alta Formazione.

    Lascia un commento