La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Musumeci: “La Settimana Santa di Enna nei 30 eventi internazionali della Sicilia”

    Pubblicato il luglio 3rd, 2018 Max Nessun commento

    Musumeci e Dipietro

    Paolo Di Marco

    La Settimana santa di Enna è nell’elenco dei 30 eventi internazionali della Sicilia che verranno promossi dalla Regione di tutta Europa.

    Lo ha annunciato, ieri pomeriggio, 2 luglio, il Presidente della Regione Nello Musumeci, nella Sala Proserpina di palazzo Chiaramonte quando ha incontrato il sindaco Maurizio Dipietro, l’amministrazione, i consiglieri e la deputazione. Dopo ha reso omaggio alla comunità ennese accompagnando per tutto il suo percorso la processione della Patrona della città, Maria SS. della Visitazione nella lunga processione per le vie più caratteristiche di Enna. Nel breve incontro, che come detto si è tenuto nella Sala Proserpina, il presidente della Regione oltre ad aver ricordato che “finita la campagna elettorale” ogni amministratore deve “lavorare nell’interesse della comunità, fuori da ogni appartenenza” ha dato anche una bella notizia che valorizza enormemente la storia, la tradizione e la fede della comunità ennese. “La Settimana Santa di Enna – ha annunciato il presidente della Regione – è stata inserita nell’elenco di 30 eventi di rilievo internazionale della Sicilia che pubblicheremo il prossimo 30 settembre”. Al riguardo ha precisato offrendo chiare coordinate a chi amministra: “La promozione degli eventi di attrazione si fa sempre con un anno di anticipo e mai un mese prima”. Ritornando al programma dei 30 maggiori eventi siciliani ha sottolineato: “Il programma verrà pubblicato sui maggiori quotidiani europei e consegnato ai più grossi tour operator affinchè ognuno possa valutare quale segmento di turismo scegliere”. La Sicilia secondo le parole del presidente Musumeci è pronta ad offrire varie possibilità dal “balneare, alla terza età, al religioso”. Nel caso di Enna “il segmento religioso che è sempre più in crescita”.

    Lascia un commento