La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Monsignor Pennisi: “I mafiosi non possono essere padrini di battesimo o cresima”

    Pubblicato il marzo 16th, 2017 Max Nessun commento

    Monsignor Michele Pennisi

    Ancora un duro colpo per la mafia assestato questa volta dall’arcivescovo di Monreale monsignor Michele Pennisi.

    Con un proprio decreto ha stabilito che i colpevoli di reati disonorevoli o che hanno provocato scandalo o ancora “coloro che appartengono ad associazioni di stampo mafioso o ad associazioni più o meno segrete contrarie ai valori evangelici” condannati per delitti non colposi con una sentenza passata in giudicato “non possono essere ammessi all’incarico di padrino del battesimo e della cresima”. Prima di emanare tale decreto che chiaramente ha un grande impatto nell’opinione pubblica monsignor Pennisi ha sentito il Consiglio presbiterale diocesano. L’ex vescovo della diocesi di Piazza Armerina non è nuovo a prese di posizione contro il fenomeno mafioso anzi è stato sempre in prima fila e si ricorda infatti un precedente decreto del 5 maggio 2014 che impediva a questi soggetti di far parte delle Confraternite. Per Pennisi, confortato da vari atti della Conferenza episcopale siciliana, coloro che deliberatamente fanno parte o sono vicini a organizzazioni mafiose non possono far parte della Chiesa perché vivono “in insanabile opposizione al Vangelo di Gesù Cristo”.

    Lascia un commento