La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Mezzo flop al “Palio dei Berberi”

    Pubblicato il settembre 8th, 2008 Max Nessun commento

    di Santo Virga
    Il Poco entusiasmo, già preannunciato per «Il Palio dei Berberi» da una certa stampa di parte che ha attribuito colpe a politici boicottatori per salvare la faccia all’ amministrazione, si è trasformato in un vero e proprio fallimento.

    Sulle cause del fallimento:

    Da rappresentante politico posso affermare con dati di fatto che il declino del palio ha avuto inizio 5 anni fa, quando l’ attuale sindaco allora assessore di Lo Vetri decise di spostare, dal tradizionale lunedì a domenica, il giorno di svolgimento della manifestazione e affidare l’ organizzazione ad assessori, consiglieri e presidenti di Pro loco, totalmente al di fuori dal mondo equestre.

    Come presidente dell’ associazione Freccia Alata che raggruppa il 90% dei fantini  Xibetani e per l’ esperienza da organizzatore, posso affermare che essendo il palio dei berberi una –


    manifestazione seria e molto sentita, l’ organizzazione non può essere affidata a inesperti improvvisatori, rischiando anche di incorrere a spiacevoli incidenti, ma deve necessariamente essere affidata a persone esperte che hanno dimostrato sul campo la capacità di attrarre l’ interesse del pubblico e dei fantini arrivando a punte di 75 cavalli iscritti e pubblico provenienti da tutta la Sicilia, ma soprattutto possono garantire una percentuale di sicurezza vicina al 100 (1994-1998).

    Penso sia anche giusto precisare, per rispetto agli iscritti dell’ associazione Freccia Alata, che il riconoscimento a Nunzio Pedevillano, anche se fu uno dei protagonisti, doveva andare a tutta l’ associazione Freccia Alata dalla quale venne fuori l’ iniziativa Palio.

    Leggere sulla stampa di boicottaggi e strumentalizzazioni varie per mascherare l’ incompetenza dell’ amministrazione sa di squallido, ridicolo e di puerile, il Palio potrà tornare al proprio splendore solo con un’ amministrazione e un’ organizzazione all’ altezza della manifestazione.

    Lascia un commento