La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • “L’uomo che non conosce la tristezza non ha mai pensieri profondi”

    Pubblicato il Ott 13th, 2009 Max 1 commento

    di Libero

     

    1 responses to ““L’uomo che non conosce la tristezza non ha mai pensieri profondi”” Icona RSS

    • Silvana Caputo

      Una tabula rasa non alimenta alcun pensiero, non fa sorgere dubbi, nè provoca inquietudini,
      perciò, anche la tristezza ha bisogno di un precedente per produrre pensieri profondi, poichè di riflessioni stratificate, esagerazioni, dubbi, fraintendimenti passati sono pregni tutti i nostri pensieri.
      Siamo involontarie creature di pensieri, che involontariamente vivono i loro giorni fino a costruire, oggi, su quei giorni, castelli di cristallo di paure e di speranze.
      Senza un passato,saremmo incapaci di formulare un pensiero..E guardarsi dentro implica complesse interpretazioni, a volte..
      E chi vive sempre in superficie non si pone nemmeno certi quesiti nè si autoanalizza così tanto…
      Buona Serata


    Lascia un commento