La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Lo Stato ci riprova: alla TIA va applicata l’IVA

    Pubblicato il Novembre 13th, 2010 Max Nessun commento

    Massimo Greco
    L’amico Montesquieu, che ebbe la sventura di teorizzare la separazione dei poteri dello Stato, sta per rivoltarsi ancora una volta sulla propria tomba. Questa volta l’occasione acrobatica gli è data dal Ministero della Finanze che con la recentissima circolare n. 3/2010 stabilisce che la tariffa d’igiene ambientale prevista dalla legge Ronchi non può essere diversa da quella prevista dal Codice dell’Ambiente del 2006 e, pertanto, alla medesima va applicata l’IVA. Il ragionamento per il Minisetro della Finanze è semplice: se la TIA del Codice è una tariffa sulla quale si applica l’IVA e la TIA del Decreto Ronchi non può non essere la stessa cosa, anche l’IVA deve essere applicata alla  TIA Ronchi. Con una semplice Circolare il Ministero tenta di demolire l’argomentata sentenza della Corte Costituzionale che, al contrario, aveva sancito la natura tributaria della TIA Ronchi. Che dire, siamo alle comiche finali!

    Lascia un commento