La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Leonforte: cittadino rumeno minaccia medici al Pronto soccorso, arrestato dalla Polizia

    Pubblicato il febbraio 23rd, 2018 Max Nessun commento

    Bucataru Gabriel

    Nella serata di ieri, gli uomini del Commissariato di P.S. di Leonforte, diretti dal Commissario Capo Dott. Alessio Puglisi, hanno tratto in arresto Butucaru Gabriel, cittadino rumeno, classe 1979.

    Il cittadino rumeno vanta precedenti di polizia per minacce, lesioni personali e in materia di stupefacenti – in quanto resosi responsabile dei reati di minacce, violenza e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e porto abuso di coltello.

    In particolare, il personale dell’Ufficio Volanti del Commissariato di P.S. di Leonforte – impegnato nell’ordinario servizio di controllo del territorio – intorno alle ore 18:30, si recava presso l’ospedale “Branciforti – Capra” di Leonforte in quanto, poco prima, era pervenuta presso la locale sala operativa una richiesta di intervento per un paziente andato in escandescenza.

    Giunti sul posto gli operatori trovavano il Butucaru, il quale giunto in ospedale aveva minacciato di morte il personale sanitario in servizio – in evidente stato di alterazione psico – fisica, dovuta probabilmente all’abuso di sostanze alcoliche e intento a denudarsi.

    Nonostante gli agenti intervenuti tentassero di calmarlo, il Butucaru si scagliava violentemente contro di loro, con calci e pugni, ne scaturiva una colluttazione, ma dopo qualche minuto gli agenti riuscivano, con non poca fatica, a bloccarlo e ammanettarlo. La perquisizione personale successiva effettuata sul Butucaru permetteva di rinvenire, inoltre, nella tasca posteriore destra dei pantaloni del rumeno un coltello a serramanico con lama a punta di nove centimetri.

    Alla luce dei fatti sopra esposti l’uomo veniva tratta in arresto in flagranza di reato e, su disposizione del P.M. di turno della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Enna, Dott.ssa Stefania Leonte, veniva tradotto presso il carcere di Enna, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

    Lascia un commento