La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Lenti Violenti e altre storie…Torna Gigi D’Agostino

    Pubblicato il gennaio 14th, 2008 Max Nessun commento

    di Lucia Bandinu
    A due anni dal secondo volume di L’Amour Toujours torna Gigi D’Agostino con questo doppio Cd dal titolo emblematico di Lento Violento, motto noto ai suoi numerosi fans in quanto riferimento ritmico del suo “Cammino” radiofonico su M2O. Come avviene ormai da un decennio, Gigi utilizza le sue canzoni per divulgare il “D’Agostino pensiero” diventando una via di mezzo tra un predicatore e un cantastorie. La musica gagliarda di Notorious è stata fonte di ispirazione, specialmente per ginnastica mentale, ma quello che colpisce di più è il rallentamento della battuta (sotto i 100 Bpm e quindi velocità ridotte e violenza nel sound) studiato appunto per un sound lento ma violento. Lo stile d’Agostino si definiva inizialmente Mediterranean progressive (progressivo mediterraneo), –


    ma oggi si definisce “Gigi D’Agostino” come uno stile a se, pieno di ramificazioni ed esperimenti d’ogni genere. Ad ogni sua personalità corrisponde uno “stile”, ad ognuno di questi corrisponde uno pseudonimo/progetto (D’Agostino Planet, Orchestra Maldestra, Uomo Suono, L’inventore del nuovo mondo).

    Le 19 canzoni che compongono il primo Cd presentano le sue diverse facce musicali: quella consueta (Gioco armonico, Passo folk), e quella da artista pop italiano (Vorrei fare una canzone, Il cammino, Solo in te fino ai remake di Impressione di Settembre o Stand By Me). Il secondo Cd è invece quasi completamente strumentale ed è rivolto al pubblico che lo segue nei suoi numerosi Djset. Da questo cd si trae l’anima del lento violento, suoni molto minimali in alcuni pezzi, clima sempre molto “piatto”, dominato da una cassa penetrante e in alcuni casi da melodie molto “cattive”.

    Lascia un commento