La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • L’Ars approva la riforma dell’Urega

    Pubblicato il gennaio 26th, 2017 Max Nessun commento

    di Paolo di Marco

    Crocetta: “Si sbloccano gli appalti”

    L’Ars ha dato il via libera alla riforma dell’Urega proposta dal governo regionale e quindi “si sblocca finalmente la situazione degli appalti in Sicilia”. Lo dice in una nota il presidente della Regione siciliana Rosario Crocetta che aggiunge: “Con la legge approvata si moltiplica il numero delle commissioni di gara e si attribuisce all’Urega, non un ruolo di gestione degli appalti, ma il controllo degli stessi. Sono previsti incentivi per le commissioni che operano velocemente e penalizzazioni per quelle che agiscono in ritardo. Il sistema Urega da stazione unica appaltante si era trasformato, negli anni, in commissione unica appaltante, prevedendo che presidenti della commissioni di gara potessero essere solo i presidenti o i vicepresidenti. Diciotto persone in Sicilia che dovevano gestire tutti gli appalti della Regione siciliana e degli enti locali, con un sorteggio del presidente di gara che avveniva, di fatto, tra due dirigenti cioè il presidente o il vicepresidente”. Sicuramente non il massimo della linearità e della trasparenza. Adesso “con la nuova legge – continua il presidente – si aumenta la trasparenza, l’efficienza degli appalti e si potrà velocizzare tutto il sistema di aggiudicazione relativo al Patto per la Sicilia. Ogni componente di commissione, incluso il presidente, non potrà essere nominato per più di due gare contemporaneamente”. Altro passo che l’Ars deve fare è lo sblocco del Poc, già inviato a fine dicembre dalla giunta regionale in aula. “Il governo chiederà una trattazione urgente perchè, all’interno del Poc, sono contenute le risorse necessarie per intervenire nei comuni che hanno subito alluvioni”. L’articolato prevede pure “il reddito di inclusione per i poveri, per i disoccupati e – conclude Crocetta – per il servizio civile dei giovani”.

    Lascia un commento