La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • L’Aras è fallita. I controlli sugli allevamenti all’Aia

    Pubblicato il marzo 23rd, 2017 Max Nessun commento

    Aras

    Fallita l’Aras, l’associazione regionale allevatori, i controlli sugli allevamenti nell’isola avverranno ad opera dall’Aia, l’associazione italiana allevatori.

    Lo ha comunicato nei giorni scorsi l’assessore regionale all’Agricoltura Antonello Cracolici. La decisione è arrivata dopo un incontro con i vertici dell’Aia. Erano presenti anche il vicepresidente della Commissione Bilancio dell’Ars Nello Di Pasquale e il componente Giovanni Panepinto. I due deputati sono stati delegati dalla stessa Commissione ad approfondire la problematica. Il fallimento dell’Aras può causare un disastro sociale, ne è perfettamente convinto l’assessore Cracolici che ha avuto garanzia da parte dell’Aia di assicurare il servizio finalizzato alle imprese degli allevatori. Per svolgere tale attività verranno utilizzati i dipendenti dell’Aras. Questo vuol dire che si apre uno spiraglio di luce per i 115 dipendenti siciliani. In provincia di Enna sono 10: uno ad Agira, quattro a Nicosia e cinque ad Enna. Lo stesso assessore all’ Agricoltura si è anche impegnato a far fruire l’Aia di locali e strutture di proprietà della Regione. Questo per ripristinare l’attività a favore degli allevatori. La speranza dell’assessore Cracolici è che l’attività dell’Associazione nazionale possa favorire la nascita di una nuova Aras per ridare alla Sicilia un organo proprio. Quindi l’attività dell’Aia è assolutamente provvisoria e volta proprio ad occupare uno spazio lasciato libero dal fallimento dell’Aras.

    Lascia un commento