La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • La responsabilità della svolta: lettera aperta al Presidente Monaco

    Pubblicato il luglio 18th, 2008 Max Nessun commento

    di Enzo Conte
    “E’ giunto il momento di una svolta vera, che passa necessariamente per un rinnovamento morale e culturale della politica locale. Insieme possiamo essere protagonisti di questa svolta, per ridare alla nostra provincia un presente di speranza e un futuro di progresso.” Queste le frasi conclusive del percorso che l’ha portata, caro Presidente Monaco, con un consenso plebiscitario, al governo della nostra provincia. Lei dovrà proseguire sulla strada che Egli stesso ha tracciato con convinzione e che consta di due vie maestre: lo sviluppo economico e il rinnovamento della politica, in contrasto anche con chi, all’interno del centrodestra, si fa portatore di una visione logora e bieca della Politica intesa come “affare”. I primi segnali sono ottimi: segnali di chi vuole effettuare un effettivo rinnovamento anche se costa qualcosina in più in termini di negoziazione politica. Oggi le speranze degli ennesi sono tante e le emergenze sono ancor di più; com’è noto infatti “amministrare una vittoria è sempre più difficile che amministrare una sconfitta”, ma amministrare una vittoria permette, a chi l’ha ottenuta, di incidere in maniera profonda sulla vita di una –


    provincia che ha bisogno di una scossa per risollevarsi. Gli ennesi si sono espressi bocciando sonoramente un centrosinistra ripiegato su se stesso, lontano dalla gente, un elite di potere che ha trattato la cosa pubblica con l’arroganza di chi la ritiene privata, contando peraltro su appoggi trasversali, in sfregio al principio di trasparenza. Questo modo di far politica va eliminato alle radici, altrimenti si corre il rischio che “tutto cambi affinchè tutto resti uguale”. Questa è un’opera titanica, caro Presidente, per questo non ci aspettiamo che in venti giorni lei faccia miracoli su miracoli per eliminare quindici anni di politiche scellerate, come fa strumentalmente qualche figuro che le vuole impedire di lavorare nell’interesse della Provincia, ma le diamo il tempo (non troppo non si illuda) di dimostrarci che è in atto una vera svolta, non solo nei manifesti elettorali. A questo punto non mi resta che farle i migliori auguri da parte di questa testata e della sua redazione, certi che saprà fare ciò che ha promesso.

    Lascia un commento