La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • La Finocchiaro e Salvo Andò

    Pubblicato il marzo 4th, 2008 Max 4 commenti

    interamente tratto da da aghost

    Vi ricordate Salvo Andò? Il craxiano di ferro caduto in digrazia? Si poteva lasciarlo inoperoso, non dargli un’ultima chance per redimersi? “Yes we can”, devono aver pensato nel PD…

    Scrive Gennaro Carotenuto:

    Dopo una carriera da craxiano, era stato Ministro della difesa, tra l’altro fu a lungo inquisito per voto di scambio con il clan mafioso di Nitto Santapaola e fu condannato a cinque anni in primo grado e quattro in secondo grado per tangenti. La Cassazione purtroppo ci mise così tanto tempo a giudicarlo che alla fine…era ormail il 2004, scattò la prescrizione.

    Sembrava sparito, Salvo Andò, e ci stavamo facendo anche una ragione di questa incolmabile assenza e invece no. E’ sulla breccia più che mai. Lo ritroviamo addirittura responsabile della scrittura del programma di Anna Finocchiaro del Partito Democratico, che aspira ad essere governatore di rottura rispetto a Totò Cuffaro. Quando gliene hanno chiesto conto la Finocchiaro sarebbe sbottata: “Ma come: Salvo è un cultore del diritto…”

    Con che faccia l’austera Finocchiaro, nel prossimo Ballarò o Porta a Porta, ci parlerà severamente di legalità o moralità della politica?

    Immaginiamo che chi scrive non sappia nemmeno che Saldo Andò è il rettore della kore di Enna

     

    4 responses to “La Finocchiaro e Salvo Andò” Icona RSS


    Lascia un commento