La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • “Il centrodestra ennese non è in grado di difendere il territorio”

    Pubblicato il luglio 5th, 2008 Max 3 commenti

    Giuseppe Arena – Coordinatore provinciale del P.D.

     

    3 responses to ““Il centrodestra ennese non è in grado di difendere il territorio”” Icona RSS

    • Mi ritorna in mente un articolo già pubblicato su questo Blog:
      http://liberamente-enna.it/anno-nuovo-presidente-nuovo.php

    • LA CASTA SENZA PUDORE
      E SENZA VEROGNA

      Proprio così, la casta degli intoccabili, dagli stipendi d’oro e dai privilegi inimitabili oggi come non mai scendono in campo per dimostrare tutta la loro arroganza e indignazione contro un governo che disperatamente cerca di rimettere ordine (costituzionale) almeno tra le caste.
      Ma che succede invece? I soliti picchiatori scendono in campo con l’incitamento vetero – giustizialista di DI PIETRO a far le barricate contro il cav. I soliti sofisti della politica invitano addirittura alle armi in pugno (non alle bombe) i cittadini tutti, (vedi il Vattimo dell’ultima ora), mentre Veltroni tra fischi e fiaschi va predicando che se viene tolto il “salva processi”, si può tornare al dialogo. . . .
      Invece no: I magistrati battono cassa. L’Anm verso lo stato di agitazione per il taglio alle retribuzioni previsto nella manovra economica del governo: «Quel decreto va modificato». . Per quanto riguarda il taglio delle retribuzioni introdotto dall’Art. 69 del decreto manovra si segnala come ciò costituisca «l’ulteriore svilimento della funzione giudiziaria».
      Giustamente sti poveracci come possono sopravvivere con un taglio allo stipendio?
      C’e’ una norma che fara’ cassare tantissimi processi, ma si dimentica un piccolo particolare: quei processi sono gia’ fermi. Nella migliore delle ipotesi dureranno dieci /quindici anni, col risultato che non avranno senso. E questo non e’ per colpa delle leggi di Berlusconi, perche’ gia’ da prima di lui, in italia, i processi duravano cosi’. Il problema e’ molto semplice:
      Il disastro della giustizia e’ dovuto al fatto che non esiste un organo che ne controlli il lavoro: questi signori fanno il cazzo che vogliono, lavorano poco e male, presi da incarichi (peraltro teoricamente illegali) esterni alla propria attivita’, e spesso mandano alla malora i processi per favorire questo o quello.
      Lamentano in continuazione di non avere mezzi e strumenti, ma i palazzi di giustizia partecipano in continuazione a decine di convegni sulla giustizia, ad incontri sulla giustizia, e specialmente SPENDONO UN TERZO DEL BILANCIO IN INTERCETTAZIONI.
      Avendo preso visione di quanto guadagnano i magistrati, e quali risultati ottengono, allora sì che si dovrebbe incitare alla rivoluzione, alla presa del “palazzo dei marescialli” i cittadini che vorrebbero una giustizia vera e non quella che fa durare un processo 15 anni, o quella che non riesce a scrivere una sentenza dopo otto anni, con le conseguenze che tutti conosciamo. Perché i soliti Travaglio, Di Pietro, Vattimo, Furio Colombo e tantissimi altri filo(sofisti) di sinistra non accennano a questo disastro? Ma chi li salverebbe dopo se facessero una cosa del genere !. . . . La verità è che la sinistra senza l’antiberlusconismo non esiste. Sparisce. Evapora.

    • Invece il centro destra senza Berlusconi esisterebbe o ancora il Pdl senza Berlusconi?

      Da uomo di destra ti dico che solo attraverso una svolta meritocratica, democratica e legalitaria del nostro paese si può avere una svolta. Ma c’è talmente tanta ignoranza, talmente tanti sistemi saturi a cui si tiene la spina accesa che questa speranza diventa sempre più remota.
      Ci hanno tolto la democrazia a favore della partitocrazia, adesso vogliono costruire una partitocrazia assoluta…

      E per un presidente del consiglio ladro e per di più stupido che si fa azziccare al telefono parlando di serate sessuali con donne in cambio di favori ( di cui una attuale ministro), nelle ultime settimana il governo lavora di più su come parare il culo a Berlusconi e salvargli quel 50% di patrimonio che andrebbe alla moglie in caso di divorzio invece di pensare alla crisi economica incombente, al risanamento, alla sicurezza…
      ah la sicurezza… AN ha tanto parlato di indulto, ma questa nuova trovata di questo Alfano di Sicilia, in casa An come viene definita??? Indultino?? ma vah… Destra al governo… al governo c’è una casta di leccaculo democristiani, tornacondisti della peggiore specie…


    Lascia un commento