La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Kiwanis. Il Premio Euno 2017 va a Mario Incudine

    Pubblicato il Aprile 13th, 2017 Max Nessun commento

    Mario Incudine

    Il “Premio Euno 2017” del Kiwanis Club di Enna va quest’anno al cantautore dialettale e locale Mario Incudine.

    Il prestigioso riconoscimento è arrivato alla sua XXXII edizione e nel 2017 premia l’affermato cantante trentaseienne ennese. Incudine nel suo essere artista è attore e musicista. Ha scritto colonne sonore ed è una delle figure più rappresentative della Nuova World Music Italiana. Oggi Incudine a buon ragione può essere definito una personalità del mondo della musica e del teatro. Benchè giovane il musicista ennese mette in fila un curriculum di tutto rispetto fa parte dell’Orchestra Popolare Italiana dell’Auditorium del Parco della Musica di Roma, è direttore dell’Orchestra Etno-Mediterranea, che conta 18 musicisti provenienti da tutte le aree del Maghreb. Per ben quattro anni è stato alla direzione del festival “Narrazioni d’Amore” a “La Casa di Giufà” di Enna. Ha esperienze anche nella didattica infatti insegna canto e musica alla scuola d’arte drammatica “Umberto Spadaro” del Teatro Stabile di Catania. Senza contare che dal 2014 è direttore artistico del Teatro Garibaldi di Enna. Nella qualità ha saputo allestire cartelloni d’altissimo livello artistico. Con la sua Band, gira continuamente l’Italia e l’Europa, è da tempo primo protagonista di parecchi Festival. Ne citiamo qualcuno il World Music, l’Umbria Jazz, Tarantella Festival diretto da Eugenio Bennato e alla Notte della Taranta. Ha lavorato anche con Claudio Baglioni che lo ha voluto ospite nel suo festival “O scià” a Lampedusa. Ha partecipato al “Festival Verdi” esibendosi al Teatro Regio di Parma. Nel 2010 ha preso parte al Festival di Sanremo, cantando in duetto con Nino D’Angelo. Nel 2011 è autore delle musiche ed anche interprete di “Curri L’aria”, la pièce di Elisa Di Dio e Rocco Lombardo, con protagonisti la stessa Elisa Di Dio e Nadia Trovato. “Si è esibito – racconta Salvatore Presti che per Incudine ha scritto una scheda utilizzata dal Kiwanis – al Teatro Antico di Taormina durante la serata conclusiva del “Taormina FilmFest 2011. È direttore del 390° Festino di Santa Rosalia per la regia di Monica Maimone. La sua produzione discografica spazia dal CD “Terra” ad “Abballalaluna”, da “Italia Talia” a “Anime Migranti” dove ha trattato il tema della migrazione con impegno sociale e sensibilità poetica. Nel piccolo schermo ha curato la rubrica “Mizar” del Tg2, Dore-Ciak-Gulp di RaiUno e “Il Settimanale” del Tgr Sicilia. Ha pubblicato il pezzo “Beddu Garibaldi”, interamente dedicato ai canti risorgimentali siciliani e alla figura di Garibaldi, per i 150 anni dell’Unità d’Italia. Il lavoro, dato a Roma durante la notte tricolore alla presenza del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, è stato rappresentato anche nel nostro Teatro Garibaldi e quindi al Teatro Romano di Spoleto per il Festival dei Due Mondi. Molte le sue partecipazioni in spettacoli d’ogni genere quale autore di colonne sonore. Come attore e cantante è andato in scena al Teatro Vittorio Emanuele di Messina e nella città di Marcinelle in Belgio per uno spettacolo rievocativo della tragedia delle 262 vittime nella miniera di carbone. Nel 2013 ha aperto i concerti di Franco Battiato con “Apriti Sesamo Live”. In Puglia, nel Salento, ha messo in scena “Mediterrante” con la partecipazione di Kaballà e Faisal Taher. Si è esibito in molti teatri italiani registrando sempre il tutto esaurito. Ha prodotto lo spettacolo “Malarazza – omaggio alla Sicilia di Domenico Modugno”. Il 1° Maggio 2015 è stato tra i protagonisti del Concertone di Piazza San Giovanni in Roma condividendo il palco con Mario Venuti. Nel 2015 inizia il sodalizio artistico-musicale con Moni Ovadia che l’ha voluto accanto a sé come regista collaboratore e autore delle musiche originali eseguite dal vivo nella tragedia “Le Supplici” di Eschilo, andata in scena al Teatro Greco di Siracusa. Nel 2016 con Moni Ovidia, mette in scena l’ultimo e fortunato lavoro teatrale “Il casellante” di Andrea Camilleri con Ovidia protagonista e lui stesso coprotagonista quale attore- musicista. La pièce ha debuttato a Spoleto al Teatro San Nicolò, registrando fino ad ora 45 repliche in tutta Italia, riscuotendo successo e consensi. Lo scorso mese di marzo al Garibaldi, un numerosissimo pubblico ha apprezzato lo spettacolo, tributando applausi a scena aperta e, alla fine, una lunga ovazione. Mario Incudine inizia la sua esperienza artistica partecipando, appena quindicenne, al film di Antonio Maddeo “Vò Vò” girato nell’entroterra siciliano intorno al 1985. Poi fa parte della compagnia teatrale locale “Amici del Teatro” con cui comincia a calcare i palcoscenici”. Con un curriculum lungo un chilometro il presidente del Kiwanis Club Santi Motta non ha potuto che assegnare, e lo ha fatto ben contento, a Mario Incudine il premio Euno 2017. La consegna avverrà mercoledì 19 aprile alle 17,30, al Teatro Comunale Garibaldi di Enna alla presenza delle autorità civili e militari locali, e con l’intervento delle più alte cariche del Kiwanis International – Distretto Italia.

    Lascia un commento