La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Il privilegio dei parcheggi/6 – Enna: l’amministrazione comunale dice No ai posteggi riservati per i dipendenti della Prefettura in piazza Garibaldi

    Pubblicato il novembre 25th, 2017 Max 2 commenti

    piazza Prefettura

    Anche l’amministrazione comunale guidata dal sindaco Maurizio Dipietro è decisamente contraria alla concessione dei 10 posteggi per auto private concessi da un ordinanza del comandante dei Vigili urbani Stefano Blasco ai dipendenti della Prefettura.

    La conferma arriva da una dichiarazione dell’assessore alla Polizia municipale Biagio Scillia: “Ho manifestato sin da subito al comandante la contrarietà avverso l’ordinanza di concessione dei posti, ritenendo necessario un intervento che riduca e non aumenti i posti riservati”. Presa di posizione ormai datata perchè avvenuta all’indomani dalle prime notizie di stampa. Da allora però nessuna revoca dell’ordinanza ed ecco che Scillia prende posizione netta: “Ad oggi il comandante non ha dato seguito alle disposizioni dell’assessorato e pertanto chiederemo al segretario generale l’intervento sostitutivo ciò anche in ragione della nota depositata in questi giorni che fa riferimento alle disposizioni legislative e ministeriali che vanno correttamente applicate ed interpretate”. Quindi anche la raccolta di firme con la circostanziata nota del comitato promotore ha avuto il suo peso. Un riconoscimento per l’impegno civico del comitato. A questo punto c’è però da sottolineare che il problema dei parcheggi concessi ai dipendenti della Prefettura non è l’unico, il Comune deve intervenire ridando chiarezza e unicità negli interventi. Non può mancare la sorveglianza della Polizia municipale rispetto quei parcheggi concessi a enti o di diramazione dello Stato per le auto di servizio e in piazza Garibaldi Questura e Protezione civile, per esempio, hanno ottenuto alcuni stalli. Segnalazioni affermano che non sempre ad essere posteggiate nei posti autorizzati sono le auto di servizio. Non solo ma l’amministrazione deve impegnarsi anche nel regolamentare definitivamente il parcheggio di via Candrilli. Non è giusto che venga ridotto, così come pare essere, a parcheggio riservato per i dipendenti comunali.

    Qui di seguito pubblichiamo la nota inviata dall’assessore comunale Biagio Scillia al comandante dei Vigili urbani Stefano Blasco

    L’assessore Biagio Scillia

     

     

    CITTA’di ENNA

    L’Assessore alla Polizia Municipale – Viabilità e trasporti urbani

    e-mail biagio.scillia@comune.enna.it

     

    Al Comandante della Polizia Municipale

    Dott. Stefano Blasco

    SEDE

     

    Oggetto: posteggi riservati al personale della Prefettura.

    Con riferimento alla ordinanza n. 319 del 4.10.17 con la quale sono stati riservati n. 10 posti ai dipendenti del personale della Prefettura di Enna ed a seguito del confronto che il sottoscritto ha avuto con la S.V. e con Sua Eccellenza il Prefetto, si rappresenta la contrarietà di codesto Assessorato all’adozione della misura. Essa infatti si pone in contrasto con gli obiettivi di delocalizzazione e contestuale maggiore fruizione, che l’amministrazione si pone. Si ritiene infatti che la opportunità di riservare posti auto, debba essere armonizzata con gli interessi della collettività ed in tal senso, in piazza Prefettura, troppi posti risultano riservati, peraltro, non ad auto di servizio. Per tale ragione e per quanto di propria competenza, si dispone la rivisitazione dell’intera sosta in Piazza Prefettura armonizzandola con il redigendo piano della sosta in atto e predisponendo che il numero di posti riservati non superi la misura del 20% del totale posti insistenti nella piazza, limitando la misura alle sole auto di servizio.

    L’Assessore alla Polizia Municipale, viabilità e attività produttive

    F.to Avv. Biagio Scillia

     

    2 responses to “Il privilegio dei parcheggi/6 – Enna: l’amministrazione comunale dice No ai posteggi riservati per i dipendenti della Prefettura in piazza Garibaldi” Icona RSS


    Lascia un commento