La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Il Comune di Enna premia gli abusivi

    Pubblicato il Dicembre 1st, 2007 Max 2 commenti

    Un Commerciante onesto
    Carissimo Direttore, le scrivo per farle presente che in questi giorni l’ufficio comunale settore affari finanziari di enna sta inviando delle cartelle notificate in riferimento alle insegne pubblicitarie (icp Imposta comunale pubblicità). Naturalmente mi sembra piu’ che giusto pagare la somma dovuta. Ma la cosa che piu’ mi da fastidio, il vedere in questa città un proliferare di insegne, cartelloni pubblicitari e quant’altro in modo molto abusivo. Ed il Comune che fa’ niente non fa togliere le insegne abusive non multa queste persone per aver abusato del suolo pubblico e di conseguenza penalizza sempre piu’ il povero commerciante onesto che ha installato un insegna in modo legale, forse mi conviene entrare nell’illegalità bo !!!!!! vedremo.
    (ps per le insegne abusive basta fare un giro in macchina)

    grazie della sua attenzione.

     

    2 responses to “Il Comune di Enna premia gli abusivi” Icona RSS

    • Il problema della cartellonistica pubblicitaria abusiva è più grande di quando si pensa.
      Essendo titolare di una ditta di pubblicità, vivo questo problema tutti i santi giorni e per l’amore dell’onestà e della legalità sono costretto a rifiutare diversi lavori per non incorrere in sanzioni; tutto ciò a discapito
      del bilancio aziendale. Il rifiuto della realizzazione delle tabelle pubblicitarie avviene perchè ancora oggi ad ENNA non è possibile ottenere autorizzazione dall’amministrazione comunale, perchè molta parte del territorio cittadino non ha un piano regolatore. Pertanto anche se si presentassero le domandine per ottenere l’autorizzazione a procedere, queste morirebbero sul tavolo dell’amministrazione. Quindi l’applicazione di qualsiasi tabella è soggetta a sanzione amministrativa.
      Per questo motivo, dopo aver messo al corrente il cliente che ne fa richiesta, si perde il lavoro. Però accade qualcosa di molto ITALIANO:
      lo stesso cliente che è venuto da me, dopo qualche giorno, si reca presso
      una nota agenzia pubblicitaria di questa città, quest’ultima gli realizza il lavoro, lo installa, si fa pagare per due volte il valore del prodotto e non c’è nessuno che gli rivendica sanzioni o si permetta di toccare una sola tabella di segnalazione. Se è vero che la legge è uguale per tutti, da domani invito chiunque ad installare abusivamente la propria insegna, basta mettere il loghino di questa agenzia che non vi tocca più nessuno.
      Per ulteriori informazioni sono a Vostra disposizione

    • Nessuno ha il coraggio (penso anche per connivenza) di far sgombrare commercianti abusivi dalle piazze e dalle strade di Enna Bassa. CHE SCHIFO DI CITTA’. Mancanza di segnaletica a terra, buche ovunque, olezzo di fogna e di carcasse di animali morti, discariche abusive….e come se non bastasse orrende baracche, degne dei campi ROM che vediamo da Santoro. Addirittura molti le abbelliscono con insegne, altri fanno allacci volanti (dove prendono la luce?), altri non contenti di occupare abusivamente suolo pubblico, occupano indisturbati l’intero marciapiede e un tratto di strada di fronte un bar ad Enna Bassa (vedi il signor GIARDINA). Nessun vigile urbano. Niente polizia, carabinieri o guardia di finanza. NULLA. Ma del resto questo è un grande circo BARNUM. Venghino signori, venghino!!! Si esibiscono nani e ballerine, animali esotici che fanno capriole, elefanti, donne cannoni. VENGHINO SIGNORI, VENGHINO A VISITARE L’ENORME TENDONE GRIGIO CHE RACCHIUDE QUESTA CITTA’!!!!


    Lascia un commento