La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Il capitalismo cinese

    Pubblicato il dicembre 26th, 2007 Max Nessun commento

    di Libero
    Ma tutto questo marasma, che possiamo a pieno titolo chiamare “ GLOBALE “, per causa …..o per meglio dire, per l´ingordigia di chi sta assumendo tali proporzioni?
    Manco a dirlo, ovunque ci sia puzza di catastrofe, dietro c´é sempre la mano delle grosse Multinazionali Britanniche e Americane, logicamente attorniati dal loro dissimulato esercito di faccendieri e di personaggi che spesso ricoprono alte cariche politico-istituzionali proprio in quelle nazioni che si definiscono avanzate e democratiche, che in realtá utilizzano strumentalmente questa definizione per nascondere la loro vera natura sfrenatamente capitalista.

    La Cina nell´abbracciare il Capitalismo smentisce ideologicamente se stessa, rivoluziona il suo sistema di vita e si modernizza ma nel peggiore dei modi.
    L´attuale Governo Cinese continua a servirsi di quelle masse operaie con le stesse modalitá oppressive usate dal vecchio sistema Maoista-Comunista anche se oggi non vengono piú imposti i vecchi dogmi ideologici dell´epoca di Mao, ció non deve trarre in inganno, questo accade solo perché la loro osservanza rappresenterebbe un forte controsenso per i principi dell´economia di mercato quindi meglio sbarazzarsene subito per evitare l´imbarazzo della loro presenza.

    Con questa manovra l´attuale politica Cinese da l´ennesima dimostrazione dell´inattuabilitá dei principi marxisti e cosa ancora piú grave, sconfessa chi consapevolmente ha professato ed imposto per lunghissimo tempo un´ideologia con l´unico scopo di mascherare la tirannide del Comunismo Maoista.
    Oggi la Cina persegue quello stesso obiettivo tirannico servendosi dei princípi del nemico di ieri …. il Capitalismo.

    L´azienda Cinese piú grande per volume d´affari, ha infatti capitali Americani, questo significa un nutrito numero di multinazionali.
    Parliamo di capitali con cifre cosí astronomiche da essere in condizioni di decidere il destino delle economie di intere nazioni ….e piú.

    Un esempio di come il Capitalismo sappia esercitare il suo lecchinaggio nei confronti del Governo Comunista Cinese si é avuto quando i gestori del portale americano “Yahoo” hanno dato al governo Cinese, che a sua volta li consegnati alla Polizia di Pechino, nominativi e indirizzi dei dissidenti cinesi che hanno aperto con il provider americano caselle di posta elettronica.
    Contravvenendo alle piú elementari normative sulla privacy, con questo atto Yahoo ha cercato di guadagnarsi i favori del Governo Cinese con l´evidente scopo acquisire sempre maggiori fette di mercato.

    Tale provider non si é curato minimamente di mettere a serio rischio la libertá e l´incolumitá di centinaia di migliaia di cinesi.
    Questi fatti devono far riflettere su cosa si nasconde dietro le parole di libertá e democrazia di cui il Capitalismo ci fa credere di essere paladino.

    Altro esempio….. la Goldman Sachs é una delle piú grosse“Banche d´Affari”
    del mondo, con sede legale a New York, le filiali piú importanti sono a Londra, Francoforte, Tokio, Hong Kong, e tra i suoi interessi nei mercati asiatici, i maggiori li ha proprio in Cina.

    É di questi ultimi giorni la notizia che aumenteranno i beni di prima necessitá,
    questo sta accadendo su precisa indicazione della Goldman Sachs , che sta spingendo numerosi speculatori, a fare forti investimenti su, zucchero, mais, grano , caffé, la motivazione ufficiale ( nonché falsa) é che ció sta accadendo perché la Cina sta acquistando ingenti quantitá di materia prima alimentare.


    Fra i tanti speculatori che si sono resi responsabili dell´attuale collasso finanziario mondiale, oltre la Goldman Sachs c´é Marc Faber, ma figurano anche George Soros e Jim Rogers .
    É per precisa volontá di questo mondo speculativo che il prezzo dei generi di prima necessitá sta aumentando a dismisura.

    Banche e personaggi sopra descritti, per via degli investimenti fatti sono in corsa per il controllo delle risorse alimentari del Pianeta.
    In questo momento gli speculatori investono principalmente sullo zucchero, perché per i prossimi mesi se ne prevede il raddoppio del prezzo.
    Appare chiaro dunque che il destino di centinaia di milioni di uomini viene deciso a tavolino con cinico calcolo da una ristrettissima cerchia di personaggi, sensibili esclusivamente all´ingordigia e all´aviditá.

    A proposito di Goldman Sachs, sarebbe molto interessante sapere di cosa discutevano nel 1992, (quando l´Italia era nel grosso della bufera di mani pulite e quindi del passaggio tra prima e seconda repubblica) sul panfilo “BRITANNIA “(nome piú che significativo) il Sig. Mario Draghi, attuale Governatore della Banca d´Italia, assieme altri Signori come Andreatta , Soros, Barucci, il Governatore della Banca d´Inghilterra, piú una ristretta schiera formata da rappresentanti di altre grosse banche d´affari e da esponenti del mondo finanziario?

    aaah……Dimenticavo, tra i tanti esponenti di questo “popó di Crema“ c´era un certo Sig. Massimo Tononi (uomo di Prodi) che fa parte della struttura dell´attuale governo, chissá forse lí in rappresentanza degli interessi personali di Romano Prodi .

    Qualcuno potrebbe obiettare , che dal 1992 ad oggi sono passati ben 15 anni, è vero, ma quí si tratta di gente che riesce a fare previsioni e programmi a lunghissima scadenza.
    Questi signori, con l´armamentario finanziario di cui dispongono possono piegare chiunque sbarri loro la strada, il che consente a questi programmi una possibilitá di riuscita quasi totale.

    Sará molto interessante sapere che Il Sig. Mario Draghi per diventare il governatore della Banca d´Italia, carica che ha conseguito da meno di un anno, ha lasciato la carica di vicepresidente della Goldman Sachs, mentre il Sig. Tononi, ha lasciato(si fa per dire) la Goldman Sachs filiale di Londra, per diventare sottosegretario alla presidenza del Consiglio dei Ministri del Governo Prodi del 2006.
    Come dire ….che il Sig. Prodi si é garantita MANOLIBERA sia alla Banca d´Italia che alla Goldman Sachs, …..non é che ci voglia tanto a comprendere il “giochino” di potere.

    Ora si comincia a CAPIRE PERCHÉ i Cinesi a Milano ( e non solo) si possono permettere di fare ció che vogliono, e si capisce anche perché le nostre autoritá hanno imparato per bene a fare l´inchino… tipicamente Cinese.

    Non c´é che dire …un bellissimo esempio di “ Sodalizio”
    tra Comunismo e Capitalismo celebrato nel grande Tempio della Globalizzazione
    dal quale giungono i piú vivi ringraziamenti “alla furia all´imbecillitá e all´ingordigia”, che hanno fortemente sostenuto e garantito il successo del loro incontro.

    Lascia un commento