La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Giù le mani dal crocefisso

    Pubblicato il novembre 23rd, 2009 Max Nessun commento

    di Libero
    Ha conseguito un notevole successo a Enna la petizione popolare contro la sentenza sul crocefisso. Santo Virga: “I cittadini per apporre la propria firma hanno fatto anche la fila. Abbiamo dato loro la parola per chiedere, attraverso la petizione, di lasciare i crocifissi sui muri delle nostre scuole, dei nostri ospedali, dei nostri luoghi pubblici, dove sono sempre stati. La campagna proseguirà anche in altri comuni della provincia.” “Attraverso i nostri consiglieri stiamo anche chiedendo, ai Sindaci e al Presidente della Provincia e relative giunte, l’impegno per disporre un’attenta ed accurata verifica in tutti gli Uffici Pubblici e le Aule delle Scuole Comunali, per accertarsi della presenza del crocefisso e provvedere alla ricollocazione, nei luoghi ove questo dovesse risultare mancante.”
    Il testo della PETIZIONE POPOLARE diretta AL PRESIDENTE DEL PARLAMENTO EUROPEO, “Il crocifisso va rispettato” :
    La recente sentenza della Corte europea dei diritti umani turba, inquieta e disturba la nostra coscienza di cittadini europei. Se l’Europa, con una sentenza del potere giudiziario, elimina il crocifisso, immagine dell’uomo-Dio in cui credono milioni di cittadini, dalle scuole, il nostro essere europei riceve un colpo mortale.-


    Non potremmo più riconoscerci in un’Europa che cancella per via giudiziaria i valori ed i simboli che hanno contribuito a fare dei nostri Paesi ciò che essi hanno rappresentato per la civiltà universale. Non siamo contro i valori rappresentati da altre visioni del mondo, ma desideriamo che la nostra cultura e le nostre tradizioni vengano rispettate e tutelate. Non possiamo accettare, come cittadini europei, che l’Unione mortifichi ed annulli le differenze. La nostra “differenza” va convintamene salvaguardata e l’iconografia che tradizionalmente esprime i nostri valori va assolutamente rispettata. Il Parlamento europeo, che è l’espressione della volontà popolare, deve garantire il rispetto della nostra tradizione, altrimenti l’Europa sarebbe percepita soltanto come una organizzazione mercantile, senza anima e vuota di senso. Non erano queste le ragioni e le finalità che hanno spinto i Padri fondatori a dar vita alle Comunità europee.

    Lascia un commento