La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Giovedì veglia eucaristica organizzata della confraternita del Cuore di Gesù nella chiesa di Santa Maria del Popolo

    Pubblicato il Mar 28th, 2018 Max Nessun commento

    Enna, Santa Maria del Popolo

    È un itinerario artistico-spirituale attraverso i linguaggi dell’anima sulle orme di Cristo sofferente.

    Si chiama “Popolo mio” ed è l’originale adorazione eucaristica organizzata per giovedì santo alle 21.30 all’interno della chiesa di Santa Maria del Popolo dalla confraternita del Sacro cuore di Gesù retta da Fabio Garofalo. Saranno 15 le stazioni della Via Crucis percorse attraverso le tele artistiche messe a disposizione dall’associazione Francesco Lanza di Valguarnera, presieduta da Rina Virzì, con riflessioni, canti, musica, poesie in un Calvario a tappe che vede la partecipazione speciale del gruppo dei lamentatori di Valguarnera “Populo meo”.

    Sotto la direzione artistica dell’attrice, regista e drammaturga Elisa Di Dio, il percorso “Popolo mio” si snoderà attraverso letture di testi di autori letterari, brani tratti da cunti popolari e scritture originali, alternati a momenti musicali che coinvolgeranno il gruppo dei giovani confrati del Sacro cuore di Gesù, la gente del quartiere, artisti, studenti (dell’università Kore, del liceo classico Colajanni e delle scuole medie della città), rappresentanti di diverse associazioni culturali e semplici cittadini, fedeli e laici che si lasciano commuovere al richiamo della sofferenza dell’innocente dinnanzi al suo popolo.

    Tra i protagonisti di questa originale Via Crucis ci sarà anche il neo senatore Fabrizio Trentacoste, accanto a Stefano Termini, Dorotea Savoca, Rocco Lombardo, Miriana Aneli, Marco Greco, Gaia Cappa, Ginevra Camarda, Gian Maria Randazzo, Maria Renna, Toti Tudisco, Livia Perricone, Giovanni Di Dio, Flavia Morgano.

    Il progetto vede la collaborazione del quartiere U Pupulu, la parrocchia di San Cataldo e il liceo artistico Cascio, con le docenti Pina Mazzeo e Rosa Caruso e il dirigente scolastico Alfredo Prado.

    Lascia un commento