La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Giornata Mondiale del malato all’Oasi di Troina

    Pubblicato il febbraio 11th, 2009 Max Nessun commento

    di Ivan Scinardo
    Si svolge oggi pomeriggio alle ore 18 (mercoledi 11 Febbraio), alla Cappella Grande dell’Oasi di Troina, un incontro  di preghiera  per celebrare la Giornata Mondiale del Malato. L’incontro, vede la partecipazione di bambini e ragazzi disabili ospiti dell’Istituto con le famiglie e gli operatori sanitari.  Sarà il fondatore dell’Oasi Città Aperta di Troina, padre Luigi  Ferlauto a presiedere la cerimonia nell’ambito della XVII Giornata Mondiale del Malato che la Chiesa celebra nel giorno in cui il calendario ricorda la Madonna di Lourdes. Nel suo messaggio inviato per l’occasione, papa Benedetto XVI ricorda che: “la dedizione quotidiana e l’impegno senza sosta al servizio dei bambini malati costituiscono un’eloquente testimonianza di amore per la vita umana, in particolare per la vita di chi è debole e in tutto e per tutto dipendente dagli altri. Occorre affermare con vigore l’assoluta e suprema dignità di ogni vita umana, scrive il papa,  ricordando che non muta, con il trascorrere dei tempi, l’insegnamento che la Chiesa incessantemente proclama: la vita umana è bella e va vissuta in pienezza anche quando è debole ed avvolta dal mistero della sofferenza. Quest’anno – scrive il pontefice – la nostra attenzione si volge particolarmente ai bambini, le creature più deboli e indifese e, tra questi, ai bambini malati e sofferenti: ci sono piccoli esseri umani che portano nel corpo le conseguenze di malattie invalidanti, ed altri che lottano con mali oggi ancora inguaribili nonostante il progresso della medicina e l’assistenza di validi ricercatori e professionisti della salute. –


    Ci sono bambini – continua il papa – feriti nel corpo e nell’anima a seguito di conflitti e guerre, ed altri vittime innocenti dell’odio di insensate persone adulte. Ci sono ragazzi di strada, privati del calore di una famiglia ed abbandonati a se stessi, e minori profanati da gente abietta che ne viola l’innocenza, provocando in loro una piaga psicologica che li segnerà per il resto della vita. Non possiamo poi dimenticare l’incalcolabile numero dei minori che muoiono a causa della sete, della fame, della carenza di assistenza sanitaria, come pure i piccoli esuli e profughi dalla propria terra con i loro genitori alla ricerca di migliori condizioni di vita. Da tutti questi bambini si leva un silenzioso grido di dolore che interpella la nostra coscienza di uomini e di credenti. Ai vescovi, ai sacerdoti, alle persone consacrate, agli operatori sanitari, ai volontari e a tutti coloro che si dedicano con amore a curare e alleviare le sofferenze di chi è alle prese con la malattia. Nel messaggio Benedetto XVI si è rivolto ai governanti affinchè vengano potenziate le leggi e i provvedimenti in favore dei bambini malati e delle loro famiglie. Sempre, ma ancor più quando è in gioco la vita dei bambini, la Chiesa, per parte sua, si rende disponibile ad offrire la sua cordiale collaborazione nell’intento di trasformare tutta la civiltà umana in civiltà dell’amore. Le comunità cristiane non possono non farsi carico anche di aiutare i nuclei familiari colpiti dalla malattia di un figlio o di una figlia, ha sottolineato il Papa. Un sostegno che presuppone un amore disinteressato e generoso, riflesso e segno dell’amore misericordioso di Dio, che mai abbandona i suoi figli nella prova, ma sempre li rifornisce di mirabili risorse di cuore e di intelligenza per essere in grado di fronteggiare adeguatamente le difficoltà della vita”.

    Lascia un commento