La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Francesco Alloro sui vaccini, no alla divisione di italiani e stranieri

    Pubblicato il settembre 17th, 2017 Max Nessun commento

    Francesco Alloro

    Apprendo dalla stampa che il Movimento 5 stelle, tramite i suoi due consiglieri Davide Solfato e Cinzia Amato, ha proposto un interrogazione in consiglio comunale secondo cui si dovrebbe destinare una classe a parte ai bambini stranieri sospetti di non essere vaccinati. 

    Partendo dal presupposto che il problema della vaccinazione è più ampio e riguarda anche e soprattutto i bambini italiani, trovo inaccettabile e aberrante che per risolvere il problema si immagini di relegare i bambini stranieri in una classe isolata, in quarantena. Piuttosto, il Movimento 5 stelle, che clamorosamente si erge a paladino della vaccinazione, dovrebbe dar via ad una campagna a favore della stessa. Forse, i consiglieri pentastellati si sono dimenticati che non siamo più ai tempi del nazismo, quando c’erano negozi per gli ariani ed altri per gli ebrei.
    Per quanto mi riguarda, che piaccia o no ai consiglieri del movimento 5 stelle, la scuola deve rappresentare deve educare ai valori dell’integrazione e del multiculturalismo, attraverso cui si favorisce l’integrazione. Senza questo, si alimenta la paura e, soprattutto, si da un pessimo esempio.
    Pensare di dividere italiani e stranieri nelle scuole non è solo retrogado, ma esempio del fascismo della peggior specie ed educare i figli della nostra testa a questo, a vedere i loro compagni stranieri in una eventuale classe a parte, è abominevole.
    Piuttosto, educhiamoli ai valori dell’integrazione, senza farli crescere con il concetto impresso in testa di diverso. Un bambino straniero in classe non è solo un pregiudizio in meno, ma anche un amico in più.
    Trovo quindi inaccettabile che dei rappresentanti delle istituzioni facciano questo genere di proposte e chiedo ai consiglieri del movimento 5 stelle non solo di ritirare questa interrogazione in consiglio comunale, ma di chiedere scusa a tutti quei bambini stranieri che vivono le scuole ennesi. 

    Francesco Alloro, Presidente della Consulta provinciale degli studenti

    Lascia un commento