La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • First Cisl, dati allarmanti per le banche

    Pubblicato il settembre 27th, 2018 Max Nessun commento

    Nota a cura della Cisl – Dall’ultima ricerca effettuata dal Centro Studi del sindacato First Cisl sull’andamento della presenza territoriale delle banche italiane, il dato che emerge è allarmante. Negli ultimi anni si è assistito alla chiusura di 6.289 sportelli, mentre il numero degli addetti è sceso di 26.249.

    La Cisl Agrigento Caltanissetta Enna e la federazione Cisl dei Bancari manifestano parecchia preoccupazione per i dati che emergono dalle statistiche per la provincia di Enna.

    Il lavoro in banca negli ultimi anni è profondamente cambiato, commenta Fabrizio Greco – Segretario generale della First Cisl bancari Agrigento Caltanissetta Enna – in quanto il fenomeno di digitalizzazione ed automazione dei processi non è stato utilizzato dalle aziende a servizio dei colleghi portando di fatto un valore aggiunto per gli stessi, ma bensì in loro sostituzione.

    Il settore – prosegue il Segretario Greco- ha esasperato l’applicazione dei processi digitali, procedendo in maniera indiscriminata e non organizzata alla chiusura di un numero eccessivo di filiali spersonalizzando il lavoro e la fidelizzazione con la clientela a favore dell’automazione/robotica.

    Purtroppo la chiusura degli sportelli bancari corrisponde ad una riduzione degli occupati oltre che ad un disagio nella fruizione dei servizi finanziari da parte dei cittadini. E’ quanto dichiara il Segretario territoriale Cisl, Carmela Petralia. “A subire maggiormente le conseguenze di tale fenomeno”, sottolinea Petralia, “sono i territori dell’entroterra che continuano ad impoverirsi sempre di più ed a perdere posti di lavoro e servizi per i cittadini, infatti nel 2018 Unicredit ha chiuso la filiale di Aidone e prima ancora quella di Calascibetta costringendo di fatto i residenti a spostarsi nelle zone limitrofe per effettuare le operazioni bancarie.

    Occorre certamente un cambio di tendenza, e bisogna partire rinsaldando il rapporto di fiducia tra la Banca ed i clienti che in un Istituto di credito cercano anche altro che una sola cassa automatica.

    Lascia un commento