La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Festa della musica 2018 nella Casa circondariale di Enna. Presentato un murales di Giovanni Marcellino

    Pubblicato il luglio 10th, 2018 Max Nessun commento

    Particolare murales del carcere

    Nota a cura dell’Organizzazione – Un grande murales, con note musicali, da qualche giorno, circonda una delle porte carraie della Casa Circondariale di Enna “Luigi Bodenza” .

    E’ la creazione di un grafico-writer di Enna, Giovanni Marcellino, realizzato in collaborazione con due detenuti e presentato la scorsa settimana in occasione della festa della musica 2018 dal tema “Musica è..dentro e fuori”. Nel primo cortile del carcere i tanti ospiti , grazie a ” Mutazioni e Skenarte” di Marco Libertino, che ha curato l’allestimento e messo a disposizione oggetti di arredo per la location, hanno goduto di momenti di intrattenimento musicale che si sono alternati a degustazione di prodotti tipici del territorio ennese offerti generosamente, come di consuetudine, dalle imprese associate a CNA e Confartigianato. UN partenariato, quello della Casa Circondariale con le associazioni di categoria, che si consolida sempre di più, fondato sulla grande sensibilità e disponibilità di Cna e Confartigianato che da anni collaborano con l’associazione di Promozione Sociale Spiragli che ha saputo tessere una solida rete di solidarietà. La progettazione e realizzazione del murales , ha permesso il confronto artistico tra i detenuti coinvolti nel progetto e il writer e ora rende gradevole ed accogliente lo spazio destinato all’accesso dei familiari e figli dei detenuti alla sala colloqui. Un progetto in progress che potrebbe cambiare il look del carcere per rendere colorate e gioiose le grigie mura dell’istituto penitenziario. Come negli anni precedenti la festa della musica ha coniugato leggerezza e solidarietà; il contributo in denaro, offerto dagli ospiti intervenuti, cosi come deciso in sede operativa con tutti i parteners del progetto, MUSICA è . . . . DENTRO E FUORI, è stato destinato all’avvio del progetto ” L’orto dentro, viola zafferano” proposto dall’ “Associazione per un mondo di sorrisi” per l’acquisto dei bulbi da impiantare. Tanti gli ospiti e tante le autorità cittadine che hanno partecipato all’evento. Ma i veri protagonisti della festa sono stati i detenuti, alcuni dei quali, hanno collaborato in prima persona all’organizzazione.

    Lascia un commento