La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Evoluzione del diritto ad Esser Donna

    Pubblicato il marzo 7th, 2018 Max Nessun commento

    Un corteo di femministe

    L’evoluzione sociale della donna ha subito notevoli variazioni nel corso dei secoli, che a prescindere dal paese o dal secolo, ha avuto un trattamento meno favorevole rispetto all’uomo. 

    La donna nel corso dei secoli ha sempre cercato di ottenere un riconoscimento giuridico e non solo come angelo del focolare.

    Le prime grandi lotte all’emancipazione nascono con le suffragette, passando per le lotte femministe fino ai giorni nostri.

    Ma la lotta non è mai finita. Al fine di un miglior approfondimento sul tema si rinvia la lettura dell’opera : “Donne e Diritti” a cura della D.ssa Beatrice Pecora, di cui a seguito si allegano delle pagine.

    Proprio negli anni 70 si ha il clou di questa battaglia per l’emancipazione femminile.

    La nuova generazione di ragazze sente il bisogno di emergere, di farsi sentire, rendono le distanze dalle loro madri e dal modello famigliare obsoleto in cui sono imprigionate.

    Scoppiano le proteste e tra i manifestanti ci sono molte ragazze.

    La maggiore diffusione della cultura e della scolarizzazione tra le donne ha dato un nuovo impulso alla lotta per l’emancipazione.

    Alle donne non basta più essere uguali agli uomini.

    Milioni di ragazze sono pronte a combattere per la propria identità, armate solo di speranza per un futuro migliore. Le femministe dicono basta, esigono dei cambiamenti immediati. Le manifestazioni diventano sempre più frequenti e tante donne vi partecipano. L’8 marzo 1972 a Roma a Campo de’ Fiori, si tenne la prima manifestazione femminista, 20’000 donne di tutte le età si incontrano per protestare, ma il corteo viene interrotto dalla polizia.

    Nel 1977 il Parlamento approva una legge sulla legalizzazione dell’aborto.

    Frattanto nel 1970 era stato concesso il divorzio e nel 1975 era stato infine riformato il diritto di famiglia, garantendo la parità legale fra i coniugi e la possibilità della comunione dei beni.

    La società italiana era notevolmente cambiata e le leggi avevano in parte sancito tale cambiamento.

    Beatrice Pecora

    Lascia un commento