La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Enna, politica. Mozione di sfiducia al sindaco Dipietro e congresso Pd tengono banco.

    Pubblicato il marzo 8th, 2017 Max Nessun commento

    Paolo Di Marco

    Il mondo politico ennese è in fibrillazione. Crisi comunale e fase congressuale del Pd tengono accesi i riflettori sull’intero panorama. Fra dichiarazioni ufficiali e non si intuisce con chiarezza che siamo davanti, possibilmente, ad un terremoto politico.

    Primo evento. Entro questa sera si dovrebbe riunire a Roma la Commissione per il tesseramento del Pd. Deve dare il via libera alle richieste di rinnovo e di iscrizione. Secondo i rumors la commissione bloccherà l’iscrizione di chi si è candidato alle amministrative contro le liste di Enna democratica che erano state approvate dagli organi del Pd. Quindi niente tessera e rinvio a data da destinarsi dell’ingresso nel partito per la pasionaria Rosalinda Campanile. La sua voglia di adesione si sarebbe frantumata sull’accordo palermitano che ha visto Mario Alloro fare ingresso nella corrente renziana. Un abbraccio con Davide Faraone, candidato in pectore alla presidenza della Regione per i renziani, che confermerebbe la posizione sul territorio dell’ala che fa capo a Mario Alloro e quindi a Mirello Crisafulli. Niente di sconvolgente poiché le prove tecniche erano state già imbastite con il Si al referendum di dicembre quando Alloro e Crisafulli organizzarono, a sostegno di Renzi, una manifestazione alla Kore alla presenza di Davide Faraone. Per inciso mancavano i renziani storici di Enna. Un accordo che ha avuto una seconda refluenza. Il congresso provinciale del Pd è sempre più vicino e a meno di stravolgimenti dovrebbe tenersi entro e non oltre il 30 aprile prossimo. Radio fante annuncia che in quell’occasione la componente che fa capo a Crisafulli dovrebbe portare al voto del partito l’indicazione di sfiduciare il sindaco di Enna Maurizio Dipietro a giugno. Su questa linea un’anticipazione di fuoco l’ha fornita con un’intervista a Liberamente-enna.it il consigliere comunale Stefania Marino, crisafulliana doc: “A Dipietro dentro il Pd non lo vogliamo”. Il che è tutto dire. Terza indiscrezione riguarderebbe l’incontro di martedì sera fra una delegazione di Sicilia Futura ed una del Pd alla presenza dell’ex senatore Crisafulli. E’ stato concordato che Sicilia Futura parteciperà alle primarie del Pd sostenendo il segretario nazionale uscente Renzi come è logico che sia. Fin qui nessuna novità e nessuna sorpresa se non l’apertura di un dialogo. Ma filtra un’indiscrezione incandescente. Secondo qualcuno Crisafulli avrebbe strappato anche un si per il sostegno alla mozione di sfiducia a Dipietro. Sicilia Futura riterrebbe conclusa l’esperienza amministrativa con questo sindaco. E’ un’indiscrezione bomba che però non viene confermata da nessuno, ma la riunione c’è stata come ci sono forti critiche nei confronti di Dipietro. Insomma la mozione di sfiducia a giugno non è dietro l’angolo ma a pochi metri si.

    Lascia un commento