La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Enna, la Lega contesta l’Imposta di soggiorno

    Pubblicato il ottobre 27th, 2018 Max Nessun commento

    Nota a cura del gruppo consiliare della Lega – L’introduzione della tassa di soggiorno a Enna non va giù al gruppo consiliare della Lega Salvini Premier che attacca la giunta guidata dal Sindaco del PD Dipietro in vista dell’arrivo in aula della proposta.

    ” Premesso che siamo diffidenti rispetto all’introduzione di ogni nuova forma di tassazione, nel valutare l’opportunità di introdurre questa tassa non partiamo dal principio che a pagare sono i turisti e non i cittadini ennesi, ma da una attenta analisi di ciò che la città offre allo stato attuale . Il livello dei servizi e dell’accoglienza turistica in città è adeguato al punto da consentire l’introduzione di questa imposta ? Per il gruppo consiliare della Lega no ! Basta semplicemente partire da aspetti oggettivi sotto gli occhi di tutti, generati dalla carenza ormai consolidata dell’amministrazione Dipietro nella programmazione e gestione della quotidianità . Decoro urbano e manutenzione del verde pubblico carente, scarsa manutenzione delle strade, servizio di pubblica illuminazione inefficiente, stato di abbandono in cui versano importanti siti monumentali come il Castello di Lombardia e la Torre di Federico, servizi igienici pubblici inadeguati e totale assenza di servizi per diversamente abili nelle aree monumentali, presenza diffusa di barriere architettoniche, scarsa valorizzazione dei panorami che si presentano ostruiti dalla vegetazione spontanea cresciuta a dismisura e l’elencazione potrebbe continuare. Tutte carenze che velano le tante e pregevoli bellezze monumentali, storiche, culturali e paesaggistiche che il nostro territorio offre di suo. Riteniamo convintamente che una prospettiva di rilancio turistico debba partire dall’erogare servizi e non dal tassare . Nel ribadire la nostra contrarietà – concludono i consigliere leghisti Cuci e Savoca – rispetto a un provvedimento per noi fuori luogo, lanciamo un appello a tutte le altre forze politiche presenti in consiglio comunale al fine di evitare
    l’introduzione di questa tassa che andrebbe inoltre a gravare di ulteriori adempimenti i titolari delle strutture ricettive trasformandoli in esattori . La Lega andrà avanti con determinazione sulla strada intrapresa ”.

    Lascia un commento