La comunità virtuale più libera del web
Icona RSS Icona email Icona home
  • Enna in picchiata sulla cultura

    Pubblicato il agosto 4th, 2007 Max 3 commenti

    di Casr Janni
    Un tempo Enna era nota come “la città con il Teatro più vicino alle stelle”. Durante l’estate, grazie a calendari d’alto pregio artistico, lirica concerti di musica leggera e operette ci divertivano in quel CASTELLO DI LOMBARDIA, tanto amato non solo dagli ennesi ma dai siciliani che lo frequentavano. Con orgoglio dicevamo: sono teatri famosi all’aperto non solo quelli di Taormina e Siracusa ma anche il nostro. Pure il GARIBALDI, l’altro prestigioso teatro, ci offriva calendari teatrali di qualità, spettacoli vari e momenti piacevoli e distensivi di vita cittadina. Eravamo fieri di siffatte strutture che ci garantivano cultura e qualità della vita. Enna era fredda fuori, ma calda dentro. Oggi, invece, che tristezza, vederli chiusi, dimenticati, sconosciuti ai più giovani. Se si chiedesse a chi di competenza il perché, le risposte sarebbero molteplici, e in ogni caso burocratiche, ipocrite e banali. Infatti ognuno direbbe che la colpa è degli altri e quindi non si sa di chi. E’ proprio vero. I contenitori culturali si svuotano forse per svuotare noi ennesi.

     

    3 responses to “Enna in picchiata sulla cultura” Icona RSS

    • Sulla fine che ha fatto il Castello di Lombardia io da tempo ho una mia personale convinzione. Lo scempio visibile agli occhi di tutti è solo responsabilità di scriteriati progettisti della Soprintendenza, che hanno derubato la città di un sito riconosciuto non solo in Sicilia ma anche in Italia e considerato uno dei più incantevoli posti dove ascoltare una buona lirica in uno all’affascinante contesto storico.
      Sarebbe una buona idea far ritornare il sito al passato condannando a poggiare pietra su pietra i signori colpevoli di questo attentato alla storia e alla cultura di Enna.

    • L’associazione RISONANZE – laboratorio di musica e culture invita la S.V. al concerto della Stagione Concertistica “ConcertAzione 2007” che si terrà Mercoledì 31 Ottobre 2007 alle ore 20,30 a ENNA presso la Sala Cerere del Palazzo Chiaramonte.

      Si esibiranno “I Solisti del Teatro Bellini di Catania”: Salvatore Vella, flauto – Marcello Spina, violino – Giovanni Casano, viola – Marco Bologna, violoncello

      Info:

      RISONANZE
      Laboratorio di Musica e Culture
      Via Paolo Vetri, 8
      94100 Enna

      Tel.: 339.86.72.985

      E-mail: risonanze.lab@gmail.com

      I Solisti del Teatro Bellini di Catania

      Salvatore Vella, flauto – Marcello Spina, violino – Giovanni Casano, viola – Marco Bologna, violoncello.

      I Solisti del Teatro Bellini di Catania hanno alle spalle importanti esperienze artistiche e attualmente ricoprono il posto in pianta stabile presso l’Orchestra del Teatro Bellini di Catania. Decennale è la collaborazione di questi musicisti, tanto da avere all’attivo un ampio repertorio già proposto fra l’altro nelle stagioni di importanti associazioni concertistiche con consensi positivi di pubblico e di critica. Hanno collaborato con orchestre quali: l’Orchestra del Teatro alla Scala di Milano, l’Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, l’Orchestra dell’Opera di Genova, l’Orchestra del Teatro S. Carlo di Napoli, l’Orchestra Filarmonica della Scala di Milano, l’Orchestra dell’Accademia Nazionale di S. Cecilia di Roma, l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna, l’orchestra del Teatro Comunale di Firenze etc.

      Tutti i componenti sono stati premiati in concorsi nazionali ed internazionali e vengono regolarmente invitati a far parte di giurie di concorsi nazionali ed a tenere corsi di perfezionamento in Italia ed all’estero.

    • RISONANZE - laboratorio di musica e culture

      L’associazione RISONANZE invita la S.V. al concerto/evento della Stagione Concertistica “ConcertAzione 2007” che si terrà Giovedì 29 Novembre 2007 alle ore 20,30 a ENNA presso la Sala Cerere del Palazzo Chiaramonte.
      Si esibirà Paul McCandless (oboe – clarinetto basso e sax soprano) & Antonio Calogero (chitarra)

      (*) Vista la rilevanza dell’evento e la limitata disponibilità di posti è prevista la prevendita dei biglietti. (ad esclusione degli abbonati alla stagione)

      GIOVANNI GANDOLFO
      Presidente dell’Associazione Culturale
      RISONANZE – Laboratorio di musica e culture

      Info e Prenotazioni:
      RISONANZE
      Laboratorio di Musica e Culture
      Via Paolo Vetri, 8
      94100 Enna
      Tel.: 339.86.72.985

      E-mail: risonanze.lab@gmail.com

      Ascolta Paul McCandless:

      http://it.youtube.com/watch?v=c23ZwAseufA

      http://it.youtube.com/watch?v=iNsdGyLzI7s

      http://it.youtube.com/watch?v=5IiAtKcRb74

      Paul McCandless Sax Soprano, Oboe e Clarinetto Basso

      Antonio Calogero Chitarra Classica ed Acustica

      “Il polistrumentista americano del gruppo Oregon incontra
      la chitarra multiculturale di Antonio Calogero”

      Paul McCandless e Antonio Calogero incarnano nella loro musica lo spirito delle più amate sonorità del Mediterraneo senza per questo trascurare di trascenderne i confini per ricavare il meglio da ogni musica che nel mondo sia bella e accattivante. Paul McCandless – già componente del leggendario quartetto degli Oregon – è un pioniere della musica strumentale moderna che ha portato ad elevato lirismo il sound e le composizioni proprie di due band di eccelso rilievo quali sono state l’originale Paul Winter Consort e il citato quartetto instancabilmente innovativo che ebbe altre splendide risorse in Ralph Towner, Glen Moore e Collin Walcott. Gli stupendi musicisti che gli appassionati ricordano protagonisti di una mitica registrazione che dal 1973 girò il mondo sotto il titolo quanto mai emblematico di Music of Another Present Era. Eminente rappresentante sia della musica classica che del Jazz, Paul McCandless si è accreditato circa 150 album da solista e da compagno di viaggio di Jaco Pastorious, Carla Bley, Wynton Marsalis, Pat Metheny.
      Dal canto suo, il chitarrista Antonio Calogero con ottime ragioni è stato definito dal Los Angeles Times personalità di grande rilievo nella giovane generazione dei chitarristi acustici e addirittura un pittore di suoni profondamente evocativi. Virtù inequivocabilmente confermate da un sound molto particolare e originale venato di influenze derivate, e fatte proprie, dalla classica, dal jazz, dalla folk e dalla world music. Antonio Calogero, dopo una serie di innumerevoli concerti tenuti in tutta l’Europa, nel 1996 ha deciso di trasferirsi Oltreoceano dove si guadagnato la stima incondizionata – da solista e da compositore – dei più bei nomi della musica nordamericana e internazionale. Negli States ha diviso il palcoscenico con luminari della chitarra come lo stesso Ralph Towner, Gerardo Nunez, Paulo Bellinati e Alex de Grassi. Caleidoscopio e La rosa del deserto, due dei suoi album da non perdere e la sua ultima registrazione Danza Multietnica sarà pubblicata alla fine del 2007.
      http://www.paulmccandless.com
      http://www.antoniocalogero.com


    Lascia un commento